01172017Mar
Last updateMar, 17 Gen 2017 9am

Allegoria, doppia tappa a Brindisi e a Lecce


waltercerfedaallegoria
Riprende il tour nel Salento di "Allegoria" il romanzo storico dello scrittore Walter Cerfeda. Dopo lo straordinario successo ottenuto a Perugia e a Verbania, lo scrittore sarà ospite nel Salento con altre due imperdibili tappe. Il 17 novembre l’incontro con l’autore si terrà a Brindisi ore 18 nella splendida "Sala Reale" (nella foto) del Grande Albergo Internazionale.

Dopo l'introduzione della prof.ssa Teresa Nacci Presidente Società "Dante Alighieri" Comitato di Brindisi, dialogherà con l'autore Walter Cerfeda il prof. Mimmo Tardio. Letture a cura di Fabiana Lubelli. Modera la giornalista Antonietta Fulvio. L'evento è organizzato dalla casa editrice Il Raggio Verde in collaborazione con la "Società Dante Alighieri" comitato di Brindisi e il Grande Albergo Internazionale. Una location di prestigio. Il Grande Albergo Internazionale si affaccia sul suggestivo lungomare di Brindisi che per cinque mesi, dal 10 settembre 1943 all’11 febbraio 1944, fu trasformata in capitale d'Italia da Re Vittorio Emanuele III e la regina Elena in fuga all'indomani dell'armistizio. Per i primi 21 giorni pugliesi i reali soggiornarono proprio nel Grande Albergo Internazionale e nelle camere perfettamente speculari, le attuali numero 101 e 123, dormivano separati perché così richiedeva la ragion di sicurezza e di Stato. In mezzo, tra le due camere, la sala congressi da dove il Paese fu momentaneamente governato. Albergo simbolo di eleganza e di bellezza nel cuore di Brindisi, l'Internazionale vanta una storia centenaria e ha ospitato personaggi illustri, tra i quali Gandhi di passaggio per Londra come ricorda la sala a lui intitolata. Non meno prestigiosa è la location della tappa leccese, il Grand Hotel che lo scorso settembre ha festeggiato i primi sei anni di attività dopo il restauro che ha restituito alla città uno splendido gioiello dal cuore liberty nella città del barocco. E sarà proprio in uno dei suoi raffinatissimi ambienti, trasformato in salotto letterario,  che il professore Pino de Luca dialogherà con lo scrittore Walter Cerfeda sul romanzo storico che indaga su una delle pagine più emblematiche e poco frequentate dalla storiografia ufficiale: la liberazione di Otranto nell’anno 1481, dopo cioè la strage degli 813 otrantini decapitati sul colle della Minerva. Ma il passato è allegoria del nostro presente. I Santi Martiri di Otranto non furono solo le vittime di una guerra di religione proprio come oggi il terrorismo islamico utilizza la jihad per le proprie mire espansionistiche che poco hanno a che fare con il Corano. Il libro, che apre la collana "Futuro Anteriore" diretta dal giornalista Nello Wrona, è impreziosita dall’opera in copertina dell’artista Tonino Caputo.


poesie report on line