Internet e il mondo dentro uno schermo di un computer Stavo esplorando Internet, come ogni tanto faccio e scoprii "l'acqua calda": su Google scovai un programma che traduce in tutte le lingue internazionali, inglese e poi francese, tedesco, spagnolo, arabo, cinese, etc..

Pure io provai l'esperimento, tradussi e ritradussi qualche frase: il risultato fu scadente, anzi pessimo.
Ottenni qualcosa di simile a una strana parlata che si sente tra chi sbarca in un Paese straniero e tenta di farsi capire dagli abitanti del luogo (indigeni).
Comunque è possibile comunicare in tutto il mondo, con Arabi, Indù, Cinesi, Giapponesi: si rischia qualche "fatua" senza colpa, o di essere giudicato un pazzo, o un cretino, ma ci si può far capire.

E' la prima volta nella storia dell'Umanità che questo avviene: io posso dialogare con un cinese che non conosce né l'inglese, né, tanto meno, l'italiano.
La maledizione della torre di Babele sta per finire?

Il famoso villaggio globale sta nascendo, ma che conseguenze ci saranno?
Ci saranno culture dominanti e pensieri trionfanti, contro altre idee più "modeste", timide, che svaniranno nell'oblio.

Le barriere delle censure possono far veramente poco per fermare la storia e mi viene pure da ridere: ci sono ancora degli idioti che fanno la guerra per dominare il mondo, mentre la prossima battaglia, decisiva, sarà attraverso Internet.

Sarà lo scontro delle idee, delle immagini e non delle bombe: chi saprà imporsi in questa ragnatela dominerà il mondo.
Speriamo che a vincere siano i "buoni", anche se non so esattamente chi siano.

Arduino Rossi

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet