BellaeBestia

 

 

 

 

 

Commercio sempre più vasto dedicato alla sessualità con animali

I nuovi confini della “sessualità”. Cosa si nasconde dietro ad una parola così semplice ma nel contempo tanto commercializzata?

Attraverso internet osserveremo e troveremo le risposte ad una serie di domande su un fenomeno sessuale diffuso, quanto preoccupante, come il sesso con gli animali.

D. – Cosa propone la rete ai curiosi navigatori in cerca di sesso?
Di tutto. Alcuni dedicati al sesso tradizionale, come quello orale e anale, per poi sconfinare nel sesso di gruppo, l’incesto, sesso tra soggetti di svariate culture e pratiche più particolari come il fisting.
A popolare il mercato si aggiunge anche una pratica sempre più diffusa, il sesso con gli animali. Esistono siti, riviste, forum che ne danno chiavi d’accesso, associazioni che tentano di combattere un fenomeno in continua espansione e la nostra testimonianza su come una pratica sessuale come quella tra essere umani ed animale sia così “facilmente accessibile”.

D. – Come scoprire un mondo in cui gli esseri umani decidono di fare sesso con animali?
Cominciando da un motore di ricerca pronto a portarci su svariati indirizzi. Basta solo un po di pazienza e il gioco è fatto. Dopo alcuni click ci si ritrova davanti ad un collegamento che porta ad una lunga lista di siti facilmente visionabili.

D. – Come accedere ai siti?
Su alcuni una frase che chiede all’utente la maggiore età (basta un solo click per continuare), su altri le immagini possono essere osservate anche senza alcuna richiesta.

D. – In alternativa?
A “guidarci” verso un argomento così particolare è stato un forum. In un topic aperto per l’occasione qualcuno ha suggerito la “parola chiave” per poter accedere ai siti stranieri. È bastato un copia e incolla. Questa volta però nessun messaggio per la maggiore età ad impedirne l’accesso. Un elenco d’immagini, video e quanto altro per poter osservare l’uomo compiere rapporti sessuali su svariati tipi d’animali.

D. – Quali sono gli animali spesso coinvolti?
Sono cavalli e cani ma la fantasia sessuale non ha limiti. I rapporti sono consumati anche con asini, maiali, serpenti oppure topi lasciati scorrere, attraverso dei tubi trasparenti, nella vagina. Le immagini mostrano di uomini che “consumano” rapporti sessuali anali con asini, mentre delle donne “vivono” rapporti orali con cani di svariate taglie e razze. Una sessualità presente anche su riviste acquistabili in rete alla modica cifra di 12,99 euro.

D. – Le associazioni di categoria hanno denunciato spesso questo tipo d’abuso.
A marzo 2007 Lorenzo Croce, presidente dell'associazione italiana difesa animali ed ambiente, ha inviato presso la procura della repubblica di Milano una denuncia.
Oggetto della lettera erano i maltrattamenti subiti da sette cani da parte di prostitute o maitresse che “usavano” gli animali di piccola taglia per prestazioni particolari nei propri appartamenti di Milano e per la quale i clienti arrivavano a pagare fino a 200 euro.
I cani erano utilizzati per riti d’iniziazione e preliminari.

D. – In che modo lo stato italiano contrasta questo fenomeno?
Difficile comunicare con il ministro della salute Lidia Turco. Proviamo quindi a dare uno sguardo alla nuova legge sui maltrattamenti degli animali. Entrata in vigore il 9 luglio 2004, e approvata dal Senato, ne riportiamo le svariate categorie.
- Maltrattamento e doping;
- elevazione da contravvenzione a delitto;
- abbandono di animali;
- detenzione incompatibile con natura degli animali e produttiva di grandi sofferenze;
- spettacoli o manifestazioni con sevizie o strazio;
- uccisione per crudeltà;
- combattimenti fra animali e competizioni non autorizzate;
- allevamento, addestramento, fornitura di animali per combattimenti;
- effettuazione di scommesse, anche se non presente ai combattimenti o competizioni;
- produzione, commercializzazione e importazione pelli di cani o gatti;
- sperimentazione senza anestesia se non autorizzata.

D. – Riguardo al commercio del sesso con animali?
Nessun accenno. Alla domanda rivolta ad un veterinario sulla probabilità di relegare questa forma di sessualità estrema nella sfera maltrattamenti la risposta è stata “non lo è perché all’animale provoca solo piacere e non sofferenza”. Ne siamo certi?

D. – Come inizia la curiosità per questa pratica sessuale alternativa?
A suggerircelo un topic aperto in un forum da una ragazza. Scrive “Ragazze e ragazzi ho un problema, un grosso problema.
Sto impazzendo credo, da quando ho lasciato il mio ragazzo, con cui ho creduto di stare davvero bene e lo sono stata, circa due mesi fa, provo un'attrazione sessuale fisica per quasi tutti i ragazzi belli o brutti che siano ma è qui il problema ancor più grosso, sono attratta dal mio cane.
Lui è sempre col suo pipino di fuori e spesso si affianca alle persone come per intraprendere un rapporto sessuale.
E’ un pò matto ma ultimamente quando lo vedo con quel coso di fuori ho i brividi e sento il bisogno e lo stimolo di andare lì e fare “qualcosa”. Aiuto! Forse è proprio vero che i cani prendono dai padroni,o forse stavolta è il contrario. Penso di essere malata, a voi è già capitato? Ieri notte l'ho anche sognato, sto a pezzi, però sono veramente fuori di testa per lui!”.

Un fenomeno in continua crescita, un mercato che vede avvicinarsi molti curiosi e che “deve” essere contrastata. A volte, a sbalordire, non sono le immagini e i video ma la facilità d’accesso con la quale è possibile visionarli

(volutamente, all’interno dell’articolo, non sono stati inseriti particolari che potessero fungere da tramite tra siti e utenti “curiosi”)

Mariacarmela Ribecco

 

Nessuna connessione internet