Un portale internet per discutere di sanità e di salute con i cittadini dell’area metropolitana milanese, per mettere in rete nuove idee per rendere la sanità lombarda più vicina e attenta agli utenti, e un modo per raccogliere lamentele, proposte e suggerimenti È www.metropolisalute.net, progetto del Forum Salute e Welfare del PD milanese che sarà attivo entro l’estate.

“Il Forum – ha spiegato Piera Landoni, responsabile salute del PD milanese, durante una conferenza stampa - è uno strumento del Partito Democratico, un luogo di discussione fatto per ora perlopiù da esperti, da professionisti, da operatori del campo sanitario ma che da oggi si aprirà a tutti coloro che vorranno aderirvi.

Organizzato in otto aree tematiche (prevenzione e promozione della salute, continuità assistenziale, rete ospedaliera, diritti del malato, integrazione sociosanitaria, area metropolitana, ricerca ed innovazione, criteri di accreditamento e finanziamento delle strutture sanitarie e sociosanitarie) conta oggi centotrenta adesioni qualificate.
Da anni denunciamo le storture del sistema sanitario lombardo e il rischio reale di degenerazioni che oggi stanno venendo a galla con diverse inchieste, tra cui spicca quella della Santa Rita.
Tutte le inchieste dimostrano che in Regione è venuto meno uno dei capisaldi della riforma sanitaria, cioè la libertà di scelta, che soccombe di fronte al meccanismo di accaparramento dei pazienti e alla scarsa informazione sui percorsi di cura”.

La coordinatrice del Forum, Chiara Porro de’ Somenzi, ha spiegato come al centro dell’agenda ci sia “la tutela della salute, il benessere del cittadino”, con lo scopo di far diventare il Forum “uno strumento di radicamento del PD, uno strumento a servizio del PD, anche grazie al portale che dà la possibilità di mettere in rete le idee, diventare vetrina informativa e anche raccogliere dati e notizie relative a disservizi, in un rapporto di interattività, cosa che già oggi può essere fatta scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.”.

Alla conferenza stampa è intervenuto anche il segretario provinciale del PD Giovanni Bianchi, che ha ricordato che “il PD si deve fare con le idee, e per questo occorre legittimare luoghi come il Forum in cui le idee nascono e si diffondono, e per questo occorre coinvolgere gli ‘specialismi’, ma occorre anche valorizzare la presenza di un grande sapere medico ponendo un freno alla medicalizzazione ostinata”.

La senatrice Fiorenza Bassoli ha invece stigmatizzato la politica sanitaria del governo, ricordando che il ministro del Welfare ha dichiarato che la spesa sanitaria raddoppierà entro il 2050, e per questo i tagli saranno necessari. “Si parla di tagli di spesa e di nuovi ticket – spiega Bassoli – ma in una Regione come la Lombardia esistono 23 cardiochirurgie e numerose chirurgie toraciche, reparti su cui occorrerebbe essere molto parchi.
Occorre il monitoraggio della spesa, cosa che oggi manca, e bisogna tagliare, ma spese superflue come queste. È invece sbagliato negare il federalismo della salute stracciando il Patto per la Salute, iniziativa dello scorso governo che portava più risorse alle Regioni e maggior coordinamento tra Regioni e tra Stato e Regioni”.

Infine, è positivo il commento della consigliera regionale Maria Grazia Fabrizio all’iniziativa del Forum. “A fronte di un decadimento totale del processo di partecipazione da parte di Regione Lombardia – spiega Fabrizio - crediamo che ci sia bisogno di contributi che arrivano dal territorio. La riorganizzazione del sistema sanitario deve ripartire dai cittadini, dagli enti locali, dal basso insomma. Ben venga dunque l’iniziativa del Forum della salute, con il quale il Pd milanese ha colto nel segno”


Milano, 23 giugno 2008

Stefano Tessera
Paola Stringa

Informazione Lombardia
Nessuna connessione internet