Pin It
Domenica 24 Maggio è in programma lo scontro di campionato tra il Milan e la Roma, partita che segnerà l’addio allo stadio Meazza di Paolo Maldini davanti ai suoi sostenitori.
Paolo MaldiniMotivo in più per seguire questo match , oltre alla delicata questione del raggiungimento dei punti necessari per potersi iscrivere alla prossima Champions League, sarà l’ultima esibizione di Paolo Maldini davanti al pubblico di casa.

Infatti l’eterno capitano rossonero ha dichiarato che al termine della stagione darà l’addio definitivo al calcio giocato lasciando molti dei tifosi milanisti e non in uno stato di sconforto.
Già perché il numero 3 del Milan, oltre ad aver vinto praticamente tutto in campo, è stato sempre un vero esempio di professionalità, fair play e naturalmente bravura.
Molti suoi colleghi lo hanno sempre considerato come un modello da seguire e ci mancherebbe altro dopo tutto quello che ha dato in campo e fuori, ricordiamo che il Capitano è ambasciatore Unicef.

Maldini, che esordisce nel lontano 20 gennaio 1985, ha collezionato 900 presenze in gare ufficiali e può essere considerato come la più grande bandiera del calcio moderno.

La sua carriera ha attraversato molte filosofie di gioco, a partire dagli insegnamenti di Nils Liedholm, fino ad esplorare il calcio innovativo di Arrigo Sacchi e quello concreto del primo Capello. Esperienza, quindi ma anche una tenuta ed una postura fisica invidiabile che gli hanno permesso di essere per oltre vent’anni un giocatore di indiscutibile classe.

Sarà difficile trovare un giocatore e un uomo che possa sostituirlo e che possa arrivare a vincere quello che ha vinto Paolo:

• 7 SCUDETTI
• 5 COPPE CAMPIONI/CHAMPIONS LEAGUE
• 3 COPPE INTERCONTINENTALI/FIFA WORLD CUP
• 5 SUPERCOPPE EUROPEE
• 5 SUPERCOPPE ITALIANE
• 1 COPPA ITALIA
Dopo il suo addio, il calcio non sarà più lo stesso.

Rosario Cirigliano


Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti