huntelaarKlaas Jan Huntelaar è un giocatore del Milan. L’attaccante olandese classe 83, firmerà un contratto quadriennale a 3 milioni di euro netti a stagione. Al Real Madrid, una cifra vicina ai 15 milioni di euro. È accaduto tutto in poche ore. Il summit svoltosi nel pomeriggio di ieri a Milanello tra Berlusconi, Galliani e Leonardo aveva portato il presidente a definire pubblicamente le strategie di mercato rossonere: “Pirlo resta e prenderemo un grande goleador” , aveva affermato Berlusconi durante la conferenza stampa post – vertice. Poche ore dopo la notizia che Huntelaar sarebbe stato la scelta definitiva della società di Via Turati, aveva fatto il giro del mondo. Sarà dunque la punta di Drempt, quel giocatore che ha rappresentato il tormentone estivo dei tifosi milanisti. Un’attesa che cominciava a farsi logorante tra offerte taccagne e richieste eccessive. Alla fine il colpo è arrivato e forse per convenienza economica l’ha spuntata Huntelaar, preferito al “fabuloso” Luis Fabiano, richiesto esplicitamente da Leonardo. La caotica estate rossonera era cominciata con il corteggiamento nei confronti dell’attaccante bosniaco del Wolfsburg, Edin Dzeko. Valutazione 30 milioni di euro, troppi per il nuovo ciclo milanista. Breve flirt per Adebayor e fari puntati su Luìs Fabiano. Il Milan mette sul piatto 14 milioni di euro; il Siviglia ne chiede 20. Ma nessuno è intenzionato a muoversi di un millimetro e l’affare salta tra la delusione delle due parti. L’inedita incapacità nell’intavolare trattative e l’allarme lanciato dal tecnico Leonardo in merito alla povertà dell’organico, avrebbe convinto il presidente Berlusconi a indire la riunione di Milanello. La scelta è ricaduta su Huntelaar, inevitabilmente il giocatore meno costoso tra i papabili. Si tratta di un attaccante da 136 reti in cinque stagioni nella Eredivisie, dal fisico imponente e formidabile nel gioco aereo. Tra i punti deboli, la lentezza e la non eccellente tecnica. Per caratteristiche rappresenta comunque il tipo di giocatore che cercava il Milan, oltre che l’ultimo tassello di una campagna acquisti rossonera, mai come oggi, all’insegna della parsimonia.


Simone Praticò
http://simonepratico.wordpress.com/