coppa italia timDopo il Parma, tocca a Bari e Bologna lasciare la Coppa Italia al terzo turno: sono queste le tre squadre di serie A che si fermano al primo ostacolo nella seconda competizione nazionale. Erano in tutto sei le formazioni della massima serie a scendere in campo a Ferragosto per il loro debutto in Coppa e se per quattro squadre l’obiettivo qualificazione è stato centrato, per tutte comunque la serata è stata molto più faticosa del previsto, vuoi per il caldo perdurante per tutta la serata vuoi per una condizione atletica che per tutti è ancora da perfezionare.


Comunque ennesima serata negativa di quest’estate per il Bologna, superato per 7-6 ai rigori dal Frosinone: dopo un primo tempo da dimenticare contro il Frosinone, i rossoblù sono cresciuti nella ripresa sfiorando la rete in più di un’occasione ma Adailton ed Osvaldo hanno fallito comode opportunità, ai supplementari ha prevalso la stanchezza anche se entrambe le squadre c’hanno provato fino all’ultimo, poi la lunghissima serie di calci di rigore con l’errore decisivo ad oltranza di Cristian Zenoni e la rete di Basha che ha regalato la qualificazione ai ciociari. Squadra ancora da completare e gioco da trovare per il Bologna, argomenti validi anche per il Bari superato ai rigori dall’Empoli per 6-5 dopo che nei 120′ era maturato il risultato di 1-1 con le reti su rigore di Lodi per i toscani al 34′ del secondo tempo e pareggio quattro minuti più tardi ancora dal dischetto di Beppe Greco: nella serie dei calci di rigore, decisivo l’errore del barese Andrea Masiello. Per Atalanta, Catania e Chievo invece la vittoria è arrivata entro il 90′ ma non senza sofferenze: gli orobici hanno sbancato Cesena grazie ad una rete di Acquafresca a sei minuti dal termine dopo aver rischiato più di una volta di passare in svantaggio, anche se a favore dei bergamaschi c’è l’alibi dell’espulsione di Bianco sul finire del primo tempo e di una traversa di Doni nella ripresa. Di misura la vittoria del Catania che grazie ad una rete di Mascara sul finire del primo tempo supera la Cremonese mentre il Chievo dilaga (3-0) contro il Mantova ma per sbloccare l’incontro con la rete di Erjon Bogdani deve aspettare l’inizio della ripresa. Di Pellissier e Bentivoglio negli ultimi dieci minuti le altre due reti. Rotonda ma accompagnato anch’essa da qualche brivido la vittoria del Palermo che regola per 4-2 la Spal dopo essere passato in svantaggio per un fortuito tiro-cross di Laurenti che ha ingannato Rubinho. Poi una doppietta di Miccoli, il primo gol su rigore ed il secondo con una potente conclusione dal limite, ribalta il risultato nel primo tempo prima che una gemma di Fabio Simplicio, che stoppa di petto ed elude Capecchi con un dribbling al volo per poi depositare a porta vuota, chiuda il conto. Di Cavani e dell’attaccante spallino Rachid Arma le reti che completano il tabellino. Tra gli altri incontri, da segnalare la vittoria della Reggina in casa del Brescia (gol di Brienza) e quella del Lumezzane, unica squadra di Lega Pro a spingersi fino al quarto turno, in casa dell’Ancona: nella sfida incrociata degli ex allenatori, Menichini (che allenò l’Ancona in serie A per poche giornate nel 2003) ha la meglio su Salvioni per 3-2: i bresciani sono stati capaci di passare in vantaggio per ben due volte con Pesente e Lauria, l’Ancona ha segnato le reti dei momentanei 1-1 e 2-2 con Gerardi e Mastronunzio prima che l’ex attaccante del Grosseto Michele Marconi fissasse il 3-2 definitivo. Questa sera altre tre sfide del terzo turno: Triestina-Cagliari (ore 20), Napoli-Salernitana e Sampdoria-Lecce (ore 20.30).


Questi i risultati di Ferragosto:

Chievo-Mantova 3-0

Bologna-Frosinone 6-7 dcr

Palermo-Spal 4-2

Brescia-Reggina 0-1

Cittadella-Ascoli 2-1 dts

Cesena-Atalanta 0-1

Ancona-Lumezzane 2-3

Catania-Cremonese 1-0

Bari-Empoli 5-6 dcr

La redazione di
www.ecalcioblog.it