La battaglia dei lavoratori dell'Eutelia va avanti. Alle 17 di oggi nello stabilimento occupato (parte integrante della Tiburtina Valley, il più ampio agglomerato di industrie alle porte di Roma) – dove sono a rischio i posti di 1200 lavoratori su poco più di 1700 – si è tenuta un'assemblea della RAC, la Rete romana AntiCrisi. Presenti molte delle personalità del sindacalismo di base e della Fiom. Le vertenze dei lavoratori hanno incontrato il sostegno e la disponibilità all'azione dei movimenti sociali della capitale, studenti compresi. Il prossimo passo dichiarato dal portavoce Fiom dell'Eutelia sarà quello di una "mobilitazione unitaria per il corteo convocato il prossimo martedì 17novembre, oltre a rinsaldare i contatti instaurati con le altre aziende e fabbriche in agitazione in tutta Roma, non solo nel settore delle telecomunicazioni". Sulla stessa linea il segretario Giorgio Cremaschi: "la lotta deve avere un fronte unito; l'obiettivo non è solo riprendere possesso dei posti di lavoro e garantire il salario ad ogni lavoratore. La vera scommessa contro le manovre del Governo è la ristrutturazione di un piano industriale credibile, sia per i mercati che per i lavoratori dipendenti. Ma questo intervento deve essere pubblico, scongiurando qualunque intrusione di imprenditori-pirata pronti allo sciacallaggio e alla speculazione."

 

Samir Hassan

 

 

 

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet