Pin It
Le azzurre di Barrazzuti superano la Repubblica Ceca e centrano la quarta finale negli ultimi cinque anni. Mentre gli uomini...


flavia-pennetta



CONTINUITA' Per la quarta volta negli ultimi cinque anni l’Italrosa del tennis è in finale di FedCup, la versione femminile della Coppa Davis. Un traguardo raggiunto senza troppi patemi d’animo contro la Repubblica Ceca, travolta al Foro Italico di Roma per 5-0.

CONFRONTO Un risultato prestigioso che conferma come nel tennis esistano due Italie: da un lato quella litigiosa e spesso sconfitta degli uomini, dall’altro quella vincente e compatta rappresentata dalle nostre straordinarie ragazze. Non è certo il momento di intristirsi per le vicende dei maschi, ma ricordiamo soltanto che fra due settimane andremo in Olanda, a giocarci l’accesso ai play-off di settembre, senza Seppi (che continua a rinunciare), senza Bolelli e Fognini (pseudo infortunati), solo con Starace (che vince poco e solo sulla terra) e qualche giovane da far massacrare.

Inutile rimarcare che l’Italia che preferiamo è quella delle ragazze e la scelta non è di certo difficile. Difficile è invece trovare le parole per esaltare la coppia Pennetta-Schiavone senza scivolare nel retorico: ancora una volta sono bastati i loro primi tre match per spianare la strada verso il successo finale, reso poi eclatante dalle buone prove di Sara Errani sia in singolare che in doppio con la “leonessa” Schiavone.

ORA GLI USA Nell’altra semifinale gli Stati Uniti – senza le sorelle Williams – hanno avuto la meglio sulla Russia (3-2), anch’essa priva delle sue migliori giocatrici. La finale sarà dunque una riedizione di quella dello scorso anno, quando le italiane travolsero gli Usa 4-0 a Reggio Calabria. Essendo quello l’ultimo precedente, questa volta non avremo il vantaggio di giocare in casa e di scegliere la superficie. Il primo weekend di novembre (6-7) ci toccherà dunque una trasferta oltreoceano probabilmente sul veloce.

Riccardo Marchese

www.solosport.splinder.com

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti