Il messaggio che si voleva far arrivare al governo Berlusconi era annunciato ed è arrivato forte e chiaro: non lasciamo che venga aperta una crisi di governo ora, ma si tenga presente che possiamo farlo in qualunque momento.

Sono stati 75 i deputati astenuti, distribuiti tra le fila di “Futuro e Libertà”, il neonato gruppo dei finiani, UDC, MpA e i rutelliani dell'Api.

La mozione contro il sottosegretario Giacomo Caliendo, presentata dal Pd e dall'Idv, è stata respinta oggi pomeriggio con 229 si', contro 299. Gli astenuti sono stati 75, un numero più che sufficiente a far ballare il governo, che d’ora in avanti dovrà verificare di volta in volta se esista una maggioranza.

I numeri sono risicati, il clima è tesissimo -   durante la votazione è stata sfiorata la rissa tra un deputato del Pdl e uno di Fli – e tutto sommato l’ipotesi di elezioni anticipate potrebbe acquisire consistenza e diventare preferibilea un lento stillicidio, anche per Berlusconi.


Pier Paolo Caserta

Nessuna connessione internet