Pin It

Cesare_Battisti_in_manette_Repubblica_15_01_09

Govero italiano: bilancino sbilenco - Diritto Internazionale, Asilo Politico, Convenzioni e salvarsi la vita  - Forse, anzi di certo, gli esponenti del regime che è al potere in Italia non sono abituati a leggere.

Magari la carta igienica fornita da Sallusti-Feltri-Belpietro-Porro se la guardano velocemente tra un voto di fiducia e l'altro, mentre pigiano pure il pulsante per l'amico ministro assente, ma altro, non sono abituati ai libri e ad informarsi seriamente.

Che gliene frega poi a loro di dimostrare qualcosa di positivo oltre la pochezza e lo squallore che li contraddistingue?

Se ne stanno li da anni e anni a farsi i fatti loro, a delirare di brutto, dichiarando cose infami sulla libertà di espressione e repressione del dissenso popolare; mandano la loro polizia, carabinieri e guardia di finanza a picchiare i dimostranti, non hanno mai smesso dal G8 di Genova e peggiorano con atti vigliacchi e gravissimi come le manganellate e le botte ai pastori sardi a Civitavecchia.

Un casta di ignoranti intoccabili, impreparati, approssimati per difetto che di certo non si spaventano per qualche petardo scoppiato davanti a una loro sede, ma si terrorizzato di fronte ad un vocabolario della Lingua Italiana.

Gente che ha mostrato il peggio della gestione nera del potere, che ha portato l'Italia ad essere considerata all'estero una nazione razzista, che viola i diritti umani e civili, che condanna a morte sicura i "respinti" stranieri nei lager della Libia o nel deserto lì vicino, che permette l'impunità e promuove chi ha massacrato studenti e cittadini italiani e di altri stati alla Diaz a Genova nel 2001, che ha taciuto, omesso, detto il falso sull'assassinio di Carlo Giuliani.

Davvero queste persone non hanno il senso della misura, superano ogni limite di umana accettazione, impongono come moralità i sette vizi capitali, sicuri e garantiti da un papa che li benedice pure e li ringrazia per aver difeso il crocifisso nelle aule e le radici cristiane della Nazione.

E' tutto un bilancino sbilenco questo maledetto esecutivo, popolato di ingiusti, peccatori che in nome di Dio affermano l'egoismo, la menzogna e la protervia, il libertinaggio con minorenni, le tresche più penose, la vendita dei corpi per carriera politica… il Vaticano plaude e in cambio degli apprezzamenti porporati impone leggi integraliste e designa linee di accordi nella maggioranza a scapito della laicità e sovranità dello Stato.

Ora che il Presidente del Brasile Lula, ufficiosamente, pare non voglia consegnare Cesare Battisti all'Italia, ecco le Medee tutte che si stracciano vesti, si graffiano la faccia e diventano improvvisamente, a tempo determinato, paladine della Giustizia giusta e ancelle della solidarietà civile.

La Meloni, che oltre al cognome non si sa chi sia, tranne che è una fascista, manco si capisce perché debba dirigere un ministero creato proprio per lei, è indignata, dice che scenderà in piazza personalmente con i ragazzi della "Giovane Italia" per solidarietà ai parenti delle vittime del Battisti, di certo con lei ci saranno Alemanno, La Russa, Gasparri, Forza Nuova e la papessa nera Assunta Almirante, qualche prelato e principe massone, golpisti e piduisti ora in Parlamento e magari qualche mafioso che non guasta mai.

Berlussonini telefonerà come fa sempre a dire quanto lui sia grande contro i giudici della Galassia tutti cattivi e metastasi, pure quelli del Brasile, che lui pensava fossero amici suoi viste le ottime relazioni amicali con Lula, ma evidentemente, cribbio, bla bla bla… dovrà intervenire lui direttamente e mettere a posto la cosa, lo promette e lo giura sulla testa dei propri figli e anche sulla patata delle troie che si starà facendo in quel momento.

Insomma, sono tutti uniti e della stessa idea, compatti e squadrone: se il Brasile non concede l'estradizione al "terrorista rosso", allora è "un'offesa all'Italia e alla sua tradizione democratica, liberale, di rispetto dei diritti civili, è uno schiaffo pure alle nostre forze dell'ordine perché proprio il Brasile ci viene a dire che non possiamo garantire l'incolumità fisica di Battisti…"

Il PD regge il moccolo e segue a ruota con identiche dichiarazioni. Mi raccomando, sempre ligi al dovere regimental, non smentitevi mai che poi c'è il rischio che usciate dalle grazie del Padrone e perdere gli sgabelli che vi ha concesso.

Pure Mentana, ieri sera, dal TG7 ripeteva le stesse cose

Eppure io non ho mai sentito questi politicanti dell'ultim'ora indignarsi così tanto per i neonazisti, stragisti, golpisti scappati in Sud America o in Spagna, non si sono scarnificati urlando allo scandalo per questori e capi della polizia condannati per reati gravissimi compiuti al G8 di Genova, anzi, ministri e governo compattissimi hanno espresso fiducia e rinnovata stima a De Gennaro, Manganelli, Gratteri, Canterini, Luperi, Mortola, che si sono beccati anni di carcere, ma molti di loro promossi ad incarico superiore per meriti torturativi e menzogna durante l'esercizio della loro funzione.

Non ho mai visto la Santanché, i suoi compatrioti e la Fratellanza Cristiana Bianca che l'appoggia, andare in televisione e denunciare gli assassini di Stefano Cucchi, raccontare con lo stesso sdegno con il quale insulta il mondo intero i fatti che portarono al massacro di Federico Aldrovandi o di Giuseppe Uva o degli oltre cento suicidi in carcere dall'inizio di quest'anno, dire che fine ha fatto l'assassino di Carlo Giuliani, chi fosse in realtà Cossiga e perché sua stata uccisa dalla sua polizia Giorgiana Masi.

Soprattutto, nessuno di loro, mai, ha preso le distanze, anche solo di un millimetro dalla svolta repressiva e fascista che in questi ultimi anni è stata data all'Italia, e figurati!, ne sono i colpevoli a tutti gli effetti.

Ministri della Repubblica che incitano all'odio razziale, capo del governo che insulta la Magistratura perché non gli approva le leggi che gli salvano il culo dai processi, i rapporti tra Dell'Utri e Mangano, Cosa Nostra e Andreotti, Licio Gelli, l'eversione nera, le stragi di Stato, la libertà di stampa e di manifestare negate, rappresentanti dell'esecutivo che invocano un altro 7 aprile contro gli studenti che protestano, chiedendo ai genitori di tenersi a casa i figli perché i cortei degli Universitari contro la Riforma Gelmini sono pieni di assassini.

E nessuna indignazione.

Nessuno che denuncia all'Alta Corte per i diritti dell'uomo dell'Aja questa gente.

La Meloni però scende in piazza contro il Brasile.

Ha capito tutto lei, lo si vede dalla faccia e dall'espressione degli occhi che è una senziente.

Come lo sono Gasparri e La Russa, Borghezio e Calderoli, Alfano e Maroni, Bondi e Castelli…

Sono solo tre gli Stati esteri che "tengono in considerazione l'Italia": Libia, Russia e un po' Israele.

Chissà perché!

Per gli altri l'Italia è un Paese in una situazione pericolosa, governata da gente incapace, che ha svoltato a destra scegliendo il manganello, reprime violentemente il dissenso, non rispetta le Convenzioni Internazionali sui Diritti dell'Uomo, disconosce il diritto di Asilo per i Rifugiati scontrandosi e insultando l'UNCHR, perseguita gli oppositori politici, ha una situazione carceraria insostenibile, non permette la libertà di stampa e d'informazione…

Queste cose non le dice l'Autore, ma l'ultimo numero di Limes, la rivista di geopolitica, dedicato proprio alla considerazione che i Paesi della Comunità Internazionale hanno di Berlusconi.

Non è neppure un caso che il tizio che ogni tanto impersona il Ministro degli Esteri si sia permesso di insultare Amnesty International perché nel suo ultimo rapporto mondiale ha messo l'Italia tra i Paesi che violano i Diritti dell'uomo.

Che un Frattini, ex maestro di sci dei figli di Berlussonini, insulti Amnesty International la dice lunga, molto, perché ormai siamo a livelli di verbosità che assomigliano molto da vicino ad Ahmadinejad, Gheddafi e altri pericolosi cialtroni simili.

Se le leggano queste cose i politicanti che ora sono scandalizzati dalla scelta del Brasile.

Vadano a studiarsi che vergogna storica, politica e giuridica sia stata il 7 aprile.

Vedano chi erano e chi sono Toni Negri, Adriano Sofri, Oreste Scalzone, Nanni Balestrini, Emilio Vesce, Luciano Ferrari Bravo...

Prendano un po' di coscienza storica, studiando, perché ne hanno bisogno, e molto.

Io non so se Cesare Battisti sia colpevole di tutti gli omicidi per i quali è stato condannato.

I giudici dicono di sì, dicono anche che non si sia fatto un solo giorno di galera per quei fatti.

Non conosco il vissuto di questa persona, che a dire il vero non mi sta neppure simpatico.

Personalmente lo vorrei ascoltare e capire, ma è una questione mia, non vostra.

Ripenso però a Silvia Baraldini e la sua storia mi ha insegnato molto.

Mi fatto capire che l'ignorare i fatti crea mostri, li sbatte in prima pagina e se li divora ammazzandoli.

Oggi c'è molta gente, tanta, che vuole andarsene dall'Italia perché è diventata invivibile e ci stiamo vergognando sempre di più a dire "sono italiano".

Che aggiungere di più?

Chi è che ci vorrebbe ritornare qui?

Il trattato sulle estradizioni tra Italia e Brasile prevede che il cittadino italiano richiesto dal nostro Paese per scontare pene o affrontare processi, non debba essere consegnato all'Italia se rischia per la propria incolumità fisica e/o può essere poi oggetto di persecuzione per idee politiche, religiose o di sesso; e comunque l'estradizione non viene concessa per reati politici.

Questa cosa l'avete firmata e non si chiama "schiaffo e insulto all'Italia", ma Diritto Internazionale e rispetto delle Convenzioni che il nostro Paese ha sottoscritto.

Avete dato voi la "svolta pericolosa a destra" alla Nazione.

Adesso che volete?

La botte piena e la moglie ubriaca?

Imparate la lezione, andatevene a casa a fare altro e quando avremo un Governo democratico e non un regime dittatura, il Battisti in Italia ci verrà anche senza tante storie, da solo.

Ma tra essere ammazzato in galera e "latitare" pure io preferirei la seconda cosa.

Meglio se come Rifugiato Politico.

Amnesty International - Rapporto Annuale - Italia

 

Amnesty International - Rapporto Annuale - Italia- aggiornamenti

 

Lucio Galluzzi

©2010 Common Creative Licence

su Blogger 

su ChiareLettere 

su I Nuovi Mostri Oliviero Beha 

su Liquida 

su Report on Line 

su BellaCiao

su faceBook 

su Twitter 

su Twubs Editor e Administrator Italia e Mondo per Iran Election

 

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet