Pin It
cancro elz
Uno studio eseguito da un team di ricercatori, guidati da Massimo Musicco dell'Istituto di Tecnologie Biomediche del Cnr (Itb-Cnr) e pubblicato su Neurology ha indicato il collegamento tra cancro e alzheimer, due malattie tipiche dell'età avanzata, i risultati sembrano indicare che Le persone anziane malate di Alzheimer hanno minori probabilità di ammalarsi di cancro, e allo stesso modo i malati di cancro sono meno predisposti ad essere colpiti anche da Alzheimer invecchiando.
 
I ricercatori hanno spiegato che le due malattie condividono alcuni meccanismi molecolari ed entrambe aumentano la loro comparsa in maniera esponenziale dopo i sessantacinque anni.
Lo studio e' stato effettuato su un campione di oltre 200mila persone, tutte di eta' superiore ai sessanta
anni e tutte seguite per un totale di sei anni, registrando la comparsa di cancro e alzheimer, durante il periodo considerato, 21.451 di queste si sono ammalate di cancro e 2.832 sono state colpite da Alzheimer, 161, invece, hanno sviluppato entrambe le malattie.

Il dato ha stupito i ricercatori perche' secondo i calcoli basati sull’età e il genere dei partecipanti, tra i malati di cancro si sarebbero dovuti registrare 246 casi di Alzheimer, mentre tra le persone colpite dalla malattia neurodegenerativa si sarebbero dovuti registrare 281 casi di cancro.
"E' come se", hanno spiegato gli scienziati, "il rischio di cancro si fosse ridotto del 43% per le persone con Alzheimer, mentre quello della malattia neurodegenerativa sia calato del 35% nelle persone malate di cancro".
Il dottor Galileo Musicco ha aggiunto alla spiegazione "Una possibile correlazione tra le due malattie è questa: il cancro esalta la riproduzione incontrollata delle cellule, con geni che favoriscono il recupero e la riparazione di quelle danneggiate e portano allo sviluppo del tumore.
L’Alzheimer ha un meccanismo esattamente contrario, in quanto si verifica l’incapacità di risolvere la degenerazione delle cellule nervose, che hanno una spinta riproduttiva minima.
Dal punto di vista patogenetico, dunque, le due malattie sono opposte".

E' importante sottolineare che lo studio deve proseguire per portare a risultati importanti e che la strada maestra e' la ricerca che un giorno potra' portare alla sconfitta di enrambe le malattie, i ricercatori infine evidenziano che "l'attenzione alle diverse patologie va mantenuta alta, perché a volte alcune malattie possono presentarsi insieme, e diagnosticarle non è sempre semplice, spesso, infatti, la comparsa di nuovi sintomi viene interpretata come una conseguenza della malattia già diagnosticata, e nel caso del cancro, per esempio, di frequente si pensa che gli effetti collaterali che colpiscono la memoria siano solo ripercussioni della chemioterapia".
 
Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet