Bergamo, 26 novembre - A distanza di tre anni dall'omicidio di Yara Gambirasio c'è ancora molta incertezza intorno al colpevole; nonostante le numerose analisi del Dna, non è stato ancora identificato il killer.

Una cosa sembra certa: il responsabile della morte di Yara è "Ingoto 1", figlio illegittimo di Giuseppe Guerinoni, un autista morto nel 1999.
Gli inquirenti sono arrivati a questa conclusione dopo varie comparazioni.

L'assassino di Yara ha infatti lasciato tracce di Dna sul corpo della piccola, e tali tracce sono riconducibili proprio a "Ingoto 1", così chiamato perché non è stato ancora rintracciato, nonostante si sappia che è il figlio di Guarinoni.

In questi ultimi giorni è stato anche sentito un ragazzo, un giovane bergamasco che svolge il lavoro di albergatore vicino a Brembate.
Il giovane non è indagato, ma su di lui si stanno effettuando degli accertamenti.

Il ragazzo sarebbe entrato in contatto con persone il cui Dna è stato in precedenza comparato con quello di ignoto 1.

Secondo quanto da lui stesso dichiarato nella trasmissione televisiva Quarto grado, in passato aveva conosciuto persone che avevano lavorato nel quartiere del centro commerciale Mapello.

La Procura di Bergamo ha fatto inoltre sapere che sul corpo della piccola Yara sono state rinvenute diverse tracce di Dna; ora gli inquirenti dovranno esaminarle e stabilire il gruppo etnico delle persone alle quali appartenevano.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet