Senigallia 10 gennaio - Il fatto è accaduto giovedì 9 gennaio a Senigallia ed è riferito dal quotidiano "Il Messaggero".

Una donna, dopo essere uscita da una banca, si è sentita afferrare brutalmente il braccio da dietro; resasi conto che si trattava di un estraneo, ha iniziato a correre. Il malivivente voleva raggiungerla, ma lei è riuscita a fuggire rifugiandosi nella sua macchina.

Una volta entrata nella vettura, la donna ha bloccato le porte, impedendo l'ingresso al malvivente. Ma le sorprese non sono finite: l'uomo, infatti, si è tirato giù i pantaloni e le mutande, mostrando le sue parti intime.

La donna, terrorizzata, ha chiamato la Polizia; il maniaco, invece, dopo un po' è fuggito perché sentiva che le persone lo stavano osservando.

La donna ha riferito alla Polizia che all'inizio credeva che il malvivente volesse i suoi soldi, visto che era appena uscita dalla banca; poi, però, ha capito che il suo scopo era quello di violentarla. Sconvolta dall'agitazione, agli inquirenti ha riferito solamente che il colpevole era un giovane straniero.

La storia non finisce qui. Secondo quanto riporta il Quotidiano Ancona Today, il malvivente, dopo aver tentato invano di violentare la donna, si è diretto verso il centro della città; qui si è nuovamente spogliato, prima davanti ad un bar, poi presso un negozio di biancheria intima, causando il panico fra i passanti.

Poco dopo è stato catturato; si tratta di un pakistano di trent'anni con disturbi psichici. Al momento è trattenuto presso una clinica psichiatrica.

Nessuna connessione internet