Facebook Login

john elkann
"Il lavoro c'è ma i giovani non sono così determinati a cercarlo" dice il numero uno della Fiat, John Elkann.

È facile parlare quando appartieni alla famiglia Agnelli e ti ritrovi a essere presidente della Fiat che hai neanche trent'anni e pensare che il dramma della disoccupazione sia solo una leggenda metropolitana, inventata per rimanere al calduccio della casa paterna. E infatti, lo ha detto proprio lui, John Elkann, a Sondrio durante un incontro con gli studenti delle scuole superiori. "Il lavoro c'è ma i giovani non sono così determinati a cercarlo", ha affermato "se guardo a molte iniziative che ci sono, non vedo in loro la voglia di cogliere queste opportunità perché da un lato non c'è una situazione di bisogno oppure non c'è l'ambizione a fare certe cose. Ci sono tantissimi lavori nel settore alberghiero ma c'è tantissima domanda di lavoro ma c'è poca offerta perché i giovani o stanno bene a casa o non hanno ambizione".

Elkann, poi, ha raccontato le proprie esperienze professionali in Fiat e ha precisato che "non è stata una scelta forzata o imposta dalla famiglia, ma è stata una scelta voluta. Io e i miei fratelli abbiamo il desiderio di fare, di partecipare e questa è una grande motivazione per avere una vita positiva. Penso che sia più interessante fare una vita in cui sei impegnato e lavori con passione che fare una vita in cui sei in vacanza tutto il tempo, perché dopo un po' ci si annoia" Beato te, John, che hai potuto scegliere di non annoiarti tre le ricchezze di famiglia.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet