Scorci di paesaggi, attimi di vita intrappolati nelle tele, emozioni ed un pizzico di ironia, sono alcuni degli ingredienti che Dietrich Bickler utilizza per armonizzare e rendere uniche e vive le sue opere.

Osservando i suoi dipinti, di ampio formato, si viene trasportati negli anni ’40 – ’50 dove il sapore, il profumo e la dimensione di quei tempi torna a vivere prepotentemente. Tra i modelli che il maestro predilige ritrarre troviamo, oltre agli straordinari scorci di vie, palazzi e stradine, molte persone impegnate a compiere i classici gesti quotidiani. L’arte di Dietrich, armoniosa e talvolta spigolosa, descrive gli usi ed i costumi di quel tempo, il tutto ritratto con un sottile velo di ironia senza però discendere al sarcasmo di Duchamp. La sua mano volteggia e traccia, con pennellate decise, i mutamenti e le trasformazioni che il progresso ha comportato nel nostro vivere quotidiano sottolineando ed accentuando, mordacemente, alcuni dei nostri difetti.

Dietrich Bickler nasce nel 1940. Sfollato in quell’Europa che spasmodicamente era alla ricerca del suo cammino verso l’Ordine Nuovo, Bickler, ancora in giovane età, scopre che può raccontare quello che lo circonda e che sta vivendo attraverso l’arte imprimendogli la sua visione del mondo.

Mostra:              Dietrich Bickler   Atmosfere Italiane – III collezione

Luogo:               Galleria Eleuteri - Via della Lupa, 4/a - Roma       

Telefono:           06.68300317

Durata:               dal 6 al 15 MARZO 2014

Orario:         martedì – sabato dalle 10 alle 13,30; 15,30 20,00

Nessuna connessione internet