Pin It

Finisce con una lieto fine la storia che vede come protagonista un bambino delle scuole medie, un furgone rosso, un misterioso manico, e una nonna preoccupata. Forse letto cosi non avrà molto senso, ma sono questi i fattori principali della vicenda che vede il paese di Massafra allarmato per la presenza di un probabile manico, che si aggirava nei pressi delle scuole.

Dopo le indagini dei carabinieri, gli accertamenti e tutte le informazioni ricevute, si è potuto risalire alla targa del furgone rosso, intestata ad una donna 56enne di Massafra. Sono state un paio di frasi equivoche a scatenare l’allarme. Nella denuncia, la madre del bambino 12enne, racconta che il figlio in attesa dei suoi genitori, aveva notato una donna che esclamava frasi come “sali sul furgone” oppure “i tuoi genitori mi hanno incaricato di prenderti”, non riferendosi direttamente a lui. I seguito si è scoperto che queste frasi equivoche, che hanno allarmato il bambino e il paese di Massafra, erano di una nonna, incaricata dalla figlia di prendere il nipote. La stessa nonna che non vedendo il nipote all’uscita, lo cercava preoccupata.

Si può quindi dire che la vicenda si è conclusa con un enorme fraintendimento, e che solo grazie al continuo lavoro delle forze dell’ordine, si è fatta luce sull’accaduto potendo arrivare così ad un lieto fine.

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti