Donerà i suoi preziosi consigli “solo” ad una cinquantina di partecipanti, tra allievi e danzatori professionisti.

Come già annunciato, domattina, domenica 16 marzo, l’etoile internazionale Giuseppe Picone incontrerà presso il centro Balnaea di Battipaglia (ore 15) il fortunato gruppo di ballerini, che, previa prenotazione, è riuscito ad assicurarsi un posto alla sbarra: gli iscritti, tutti allo stesso modo assetati del suo sapere, non vedono l’ora di incontrare l’icona della danza che raramente si presta agli stage e che eccezionalmente ha accettato di salire in cattedra.

L’appuntamento con il  pluripremiato artista conclude il ciclo di seminari di “Primavera in Danza”, la consolidata manifestazione artistico culturale organizzata dall’Associazione “La Dance” diretta da Maria Vittoria Maglione, che nasce nel lontano 1999 proprio allo scopo di avvicinare i giovani ai grandi professionisti. “Purtroppo siamo stati costretti a chiudere le iscrizioni, perché le richieste di adesione erano tantissime per uno stage – spiega l’ideatrice Maglione– segno evidente che esiste una cultura della danza a Salerno e nella sua provincia e che il nome di Picone ha risvegliato in tantissimi il desiderio di approcciarsi all’arte coreutica, quella vera”.

E dopo aver studiato si andrà in scena. Il giorno successivo, lunedì 17 alle 19, presso il Teatro Truffaut di Giffoni Valle Piana, la manifestazione proseguirà con il Festival, l’attesissimo rendez-vous che unirà diciotto scuole tra le più rappresentative della Campania, per un totale di oltre 350 partecipanti. “Il sipario si aprirà sui piccolissimi – racconta l’ideatrice Maglione – ballerini in erba di appena cinque anni. Sarà una serata di spettacolo e di confronto: nella danza non c’è gara ma sana competizione. Speriamo che da questa serata di spettacolo emerga il talento campano e che questo bellissimo ed accogliente teatro sia per tutti loro una meravigliosa vetrina”.

Nella stessa sera in cui, spaziando dal repertorio classico al contemporaneo, dal jazz al funky, dal musical all’hip hop, i giovani allievi riconosceranno nella gioia di condividere danzando lo stesso palcoscenico (pur provenendo da scuole diverse) il loro unico comune denominatore, si esibirà, in qualità di ospite di eccezione, l’Istituto Alfano I indirizzo coreutico: il fiore all’occhiello della danza in città. Tre i gruppi in scena con altrettante coreografie: Francesco Moriello in la variazione di “Le Corsaire” su coreografie originali di Petipa, un duo della III B (indirizzo contemporaneo) danzerà “Oud” di Annarita Pasculli, mentre gli allievi della III A (indirizzo classico) interpreteranno “Voci di Primavera” di Strauss, coreografie di Massimiliano Scaracchi.

In palio anche cinque borse di studio perle rassegne “I Love Dance”,“Le Stelle Di Tersicore”, “Palinuro Danza Festival”, “Salerno danza d’amare” e “Riccione danza”.

Ecco l’elenco delle scuole: Arte in Danza di Annamaria Tesauro (Battipaglia); A.S.D. Ever Moving di Sergio Macellaro (Potenza); Centro Danza Charme di Stefania Cerrato (Filetta); Dance Academy  di Elvira Vece (Campagna); Danza Ravaschieri di Rosa Alfinito (Roccapiemonte); Diffusione Danza di Lilly Albanese (Salerno); Il Balletto di Federica Ferri (Salerno); Il Balletto di Federica Ferri e Caterina Andria (Giffoni Valle Piana); Il cigno Bianco di Venusia Paladino (Sicignano); Iron Club di Teresa Autuori (Salerno); La Dance di Maria Vittoria Maglione (Battipaglia); My Dance di Alessandra Autuori (Montecorvino Pugliano); New Arte Danza di Alessia Siano (Bellizzi); Over Ballet di Elena Apostolico e Simone Liguori (Capaccio); Pas De Chat di Rossella Iannone (Sapri); Professional Ballet di Pina Testa (Salerno); Progetto Danza di Marianna Lupo (Castellabate); Spazio Danza di Lorella Lupo (Bellizzi); Sporting Center di Cinzia Palumbo (Pontecagnano). L'ingresso è libero

Foto Picone 3

Nessuna connessione internet