Pin It

E’ successo a San Marzano di San Giuseppe nella sera di lunedì. Una coppietta, mentre era appartata in una zona periferica del comune, sente due colpi di arma da fuoco in direzione della propria auto, e allarmati avvertono subito la Centrale Operativa dei Carabinieri.

Dopo la segnalazione dei due giovani, i Carabinieri inviano sul posto una pattuglia, dove notano che a poca distanza dal luogo dove si erano appartati i due ragazzi, vi era un’abitazione. La seguente perquisizione ha portato alla luce nella casa in questione, due fucili da caccia calibro 12 e cinque cartucce, dello stesso calibro di quelle esplose in direzione della coppia.

Le armi sono state così sequestrate, perché anche se regolarmente denunciate alla Questura di Taranto, il luogo di detenzione era differente da quello segnalato all’ Autorità P.S. Ascoltando il figlio 23enne, i carabinieri hanno accertato che è stato proprio lui a far esplodere quei due colpi in direzione della coppia, ad una distanza di 30 mt. circa, e con l’unico scopo di provocarne l’allontanamento.

Nell’epilogo di questa vicenda, le forze dell’ordine hanno denunciato in stato di libertà il 60enne proprietario di casa e suo figlio 23enne, per omessa variazione del luogo di detenzione delle armi, e di esplosioni pericolose.

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti