pizzaPrerogativa di un qualsiasi hobby è che questo sia divertente e permetta di spostare sulla modalità "off" i pensieri quotidiani riguardo al lavoro, famiglia, scadenze e via dicendo. Se approcciati nel giusto modo, però, alcuni passatempi possono rivelarsi non solo piacevoli, ma anche potente sostentamento per il cervello.

Cucinare inventando

Convincersi che la cucina nasconda segreti imperscrutabili non è l’approccio migliore col quale avvicinarsi al mondo della gastronomia. Posto che non siamo tutti Carlo Cracco, possiamo comunque provare a migliorarci. Fra antipasti, primi, secondi, contorni, stuzzichini, cocktail, torte salate, pasticcini e biscotti qualcosa deve pur interessarci ed è da lì che partiremo.

Oggigiorno alla grossa mole di libri di cucina, generici o specialistici, si aggiungono archivi di ricette in centinaia di siti e app, tutorial e dimostrazioni online, talent show e gare gastronomiche in tv che permettono all’utente alle prime armi di contare su molti esempi. Un errore commesso oggi non sarà ripetuto domani e proseguendo su questa strada impareremo che certi ingredienti stanno bene insieme e che alcune cotture sono meglio di altre. Apprese le basi dell’arte culinaria arriva il momento della personalizzazione delle ricette: sprigionando la creatività, non solo ci impegneremo per dar vita a qualcosa di nuovo, ma saremo estremamente compiaciuti per aver “inventato” un piatto.

Giocare a poker con la matematica

Altro tipo di abilità è quella stimolata dal gioco del poker. La variante Texas Hold’em, più amata e praticata rispetto alle altre, è ormai conosciuta ovunque ed è possibile accedervi da soli o in compagnia in qualsiasi momento. Anche in questo caso, infatti, esistono siti come quello di Poker stars e le relative applicazioni mobile, con le quali è possibile giocare gratuitamente da smartphone e tablet.

Nel caso qualcuno non sia esperto in materia, ma la fama acquisita da questo gioco abbia stimolato la voglia di avvicinarvisi, è possibile studiare le regole ed esercitarsi con la scuola IntelliPoker di PokerStars. Il Texas Hold’em, come un qualsiasi altro sport, necessita innanzitutto la conoscenza delle regole. Assodato cosa siano il flop, lo small blind e il call, è opportuno iniziare a fare pratica perché l’esperienza è un valore fondamentale. In questo caso, il cibo per la mente deriva dai continui conteggi matematici da fare durante una partita: quante probabilità hanno le nostre carte di vincere, quanto questa percentuale varia al flop, turn e river, quanto è opportuno puntare ogni volta e così via. Il poker ha molto a che fare con la matematica ed è risaputo che ragionare in termini numerici aiuta a mantenere elastico il cervello.

fotografo

Fotografare per cogliere molteplici punti di vista

Al giorno d’oggi ci sentiamo tutti un po’ fotografi. App fotografiche come Photo Studio, ricche di effetti grafici e di correzioni automatiche, sono accessibili a chiunque possegga uno smartphone o un tablet e gli stessi dispositivi rendono facile la pubblicazione delle immagini sui social network. Sempre più spesso lo scopo per cui viene scatta una foto è quello di esibirla online, ma potremmo andare oltre.

Innanzitutto è necessario essere ispirati da un soggetto. Se non si hanno idee possiamo scorrere o sfogliare le nostre foto risalenti al passato oppure fare un giro su siti quali Instagram o Flickr. Trovata l’idea creiamo un album tematico, con molteplici scatti dello stesso soggetto: questo ci spingerà a guardare nell’obiettivo da diverse prospettive e scattare foto anche molto diverse fra loro, ognuna custode di un pezzo del soggetto stesso. Ripetere questo esperimento, ossia creare album tematici per molteplici soggetti, aiuterà a guardare il mondo da varie angolazioni e indagarlo a fondo, senza lasciarci “convincere” dalla vista più immediata oppure da quella più alternativa.

Leggere e confrontarsi

Quello della lettura è un universo sterminato e i milioni di libri a disposizione promettono di accontentare qualsiasi tipo di lettore. Per coloro che sanno orientarsi da soli, avere titoli potenzialmente infiniti costituisce un vantaggio, ma ci sono anche coloro che si trovano spaesati di fronte a tanta offerta e allora dovrebbero farsi aiutare da bibliotecari oppure librai esperti. Al di là del formato cartaceo, che pare intramontabile, è possibile ricorrere anche agli ebook, talvolta offerti gratuitamente.

Ci sono anche siti che consentono di orientarsi nel mare sterminato dei libri disponibili, come ad esempio Anobii, un social network in cui ognuno può pubblicare la propria libreria, dare voti ai libri letti, commentarli e navigare tra i profili degli utenti con gusti più simili ai propri e scoprire in questo modo nuovi titoli. Ma non bisogna limitarsi solo al web: i circoli di lettura e i club del libro potrebbero sembrare una trovata da film americano, ma sono realtà comuni e ben radicati nel territorio. Durante la lettura possono sfuggire molte cose ed è esternando a parole pensieri e percezioni che ci accorgiamo di eventuali falle. In più, il confronto è sempre un buon esercizio di ragionamento e una buona palestra di relativismo.