Pin It

Ferrovie Nord immagine repertorio

Milano, 12 giugno - Sono stati fermati due ragazzi responsabili della violenta aggressione commessa ai danni di due controllori milanesi. 

I fatti si sono verificati Giovedì sera alle 21.30 alla fermata di Villapizzone, all'interno di uno dei treni della linea S14 delle Ferrovie Nord di Milano che proveniva dall'Expo.

Carlo di Napoli, il controllore, un uomo di 32 anni sposato e con un figlio di 4 mesi, si era avvicinato ad un gruppo di ragazzi di origini Sudamericane per chiedere loro il biglietto. Alla sua richiesta i giovani hanno risposto con un'aggressione violentissima; uno di loro ha estratto dallo zaino un machete con il quale ha brutalmente ferito il braccio sinistro dell'uomo.

A quel punto è intervenuto un collega, che in quel momento era fuori servizio, per difenderlo.

Dopo l'aggressione i giovani si sono dati alla fuga.

Le forze dell'ordine sono giunte subito sul luogo; per prima cosa hanno perlustrato la zona e, poco dopo, hanno fermato due giovani; uno di loro presentava tracce di sangue sui vestiti, mentre l'altro sarebbe stato identificato da alcuni testimoni.

I due controllori sono stati portati all'Ospedale Niguarda.

Nella notte fra giovedì e venerdì Carlo di Napoli è stato sottoposto ad un difficile intervento chirurgico, una sub-amputazione al braccio sinistro.

L'operazione è durata otto ore; i medici sperano di poter recuperare la funzionalità dell'arto, anche se il rischio che l'uomo perda il braccio sembra essere alto.

Il collega che ha aiutato Carlo di Napoli, anche lui trentenne, ha riportato un'importante frattura al cranio; le sue condizioni sono critiche.

Le indagini per catturare gli altri componenti della banda stanno continuando; la polizia sta visionando i filmati delle telecamere che hanno ripreso l'aggressione.

Secondo le prime indiscrezioni, è possibile che la banda di aggressori faccia parte della criminalità organizzata di origine Sudamericana che a Milano ha già colonizzato Viale Padova e la zona 2. 

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti