In forza della recente sentenza numero 3974/2015 , il Tribunale di Palermo ha sottolineato che il Comune è tenuto a pagare i danni provocati dai cani randagi che circolano per la città.

Del resto, la legge quadro sul randagismo affida a tale ente il compito di organizzare la prevenzione e il controllo dei cani randagi.

I Comuni, quindi, in correlazione con gli altri soggetti indicati dalla legge (come le Asl), sono tenuti a prendere tutti i provvedimenti necessari a evitare che gli animali vaganti arrechino danni alle persone, nel territorio di loro competenza.

Pertanto, nel caso di specie, il Comune di Monreale si è trovato condannato a risarcire i danni subiti da un motociclista a seguito della caduta causata dallo scontro con un cane randagio che attraversava la strada.

A ulteriore giustificazione della condanna, nella vicenda in esame, si aggiungono peraltro le previsioni della legge della Regione Sicilia numero 15/2000 che, all'articolo 14, conferma in capo ai Comuni, singoli o associati, il compito di catturare i cani vaganti o randagi e di affidarli ai rifugi sanitari pubblici o convenzionati.

Va aggiunto, poi, il decreto dell'assessore per la sanità numero 2825 del 13 dicembre 2007, contenente le linee guida e le azioni mirate per il controllo del randagismo: esso, infatti, pone gli oneri di servizio della cattura dei cani randagi a carico dei Comuni.

In virtù di tutti tali sostegni normativi, quindi, il Comune di Monreale non può che essere ritenuto responsabile dei danni riportati dal motociclista a seguito dello scontro con l'animale che indebitamente vagava su una strada comunale, non importa se randagio o smarrito!

Foggia, 19 gennaio 2016

avv. Eugenio Gargiulo



Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet