Pin It

Abbiamo bisogno di una primavera che sia il segno di una rinascita della politica. Per questo dopo aver condiviso riunioni, programmi, iniziative e aver maturato una idea comune sulla città, abbiamo deciso che saremo accanto al progetto politico rappresentato dal candidato sindaco Rinaldo Melucci.

Così Fabiola Rega, 46 anni, commerciante e vicina al mondo del basket tarantino, che a nome della Lista elettorale Che Sia Primavera contribuisce a schiarire il panorama di riferimento attorno al candidato sindaco sostenuto anche dal centrosinistra.
La lista di trentadue nomi che metteremo in campo non è l’estemporanea adunanza di persone in chiave elettorale – dice la Rega – siamo persone che hanno iniziato a camminare insieme da tempo. Tutti espressioni di associazioni e movimenti che operano da anni in questo territorio.
Nella città che spesso ha incapacità a fare sintesi “Che Sia Primavera” presenta, invece, un bell’esempio di condivisione.
Sappiamo che la sfida elettorale ci coinvolgerà tutti e che in parte cambierà le nostre vite –dichiara ancora la Rega – Ma la partecipazione ha le sue regole di impegno e persino di sacrificio che sappiamo potranno essere ripagate solo dai risultati a cui ambisco non per me ma per i miei due figli.
Fa parte della lista anche Cataldo Orlando, 35 enne e dipendente del Ministero della Difesa.
Ho scelto di non guardare e basta, di non stare al balcone – dice Orlando – lo reputo un segno di responsabilità che devo innanzitutto a me stesso, in un rapporto nuovo che tutta la comunità si deve dare nella speranza di fare per il bene di tutti.
Si infittisce dunque la rete di sostegno attorno al candidato sindaco Melucci, che commenta l’arrivo della nuova lista con grande soddisfazione.
Ho detto al principio di questa avventura che avrei voluto essere accompagnato da chi lavora quotidianamente in questa città con l’obiettivo del bene comune – dice Melucci – e da sempre amo chi sa includere e trovare punti d’unione piuttosto che punti di disgregazione. E’ la vera svolta che interroga tutte le parti politiche, istituzionali e sociali della città. Anche questa è la primavera che auspico

Taranto, 24 marzo 2017

Maristella Bagiolini

Pin It

Commenti

Potrebbero interessarti