Domotica e condizionatore: ecco come gestirlo da remoto

Con l’avvento della domotica e l’evoluzione tecnologica, ormai sappiamo alla perfezione come i vari device tecnologici ed elettrodomestici presenti in casa si possano anche gestire da remoto, magari utilizzando direttamente il proprio smartphone.

Ovviamente, la gestione da remoto non esclude poi la necessità di effettuare un’adeguata manutenzione, che deve essere sempre svolta nel migliore dei modi. Ad esempio, è bene valutare il costo della ricarica (scopri di più) per non farsi trovare impreparati nel momento in cui c’è da effettuare tale operazione.

Nel caso del condizionatore, la possibilità di controllarlo da remoto è veramente un gran vantaggio e una comodità incredibile. Quindi, come si può fare per rendere il proprio condizionatore gestibile anche da remoto, facendolo diventare un elemento smart a tutti gli effetti? In commercio esistono davvero tantissime possibilità di domotica “fai da te” che consentono di modificare il climatizzatore per comandarlo da remoto e senza nemmeno dover richiedere l’intervento di personale specializzato per l’installazione.

La diffusione dei dongle

Il miglior consiglio da seguire è certamente quello di comprare quello che viene chiamato dongle. Si tratta di device che vengono collegati direttamente ad un elettrodomestico che riescono a integrarne le principali funzionalità e, giusto per fare un esempio, sono in grado di connetterlo alla rete internet. Questo dispositivo, che ha delle dimensioni veramente ridotte, sfrutta gli infrarossi per prendere il posto del tradizionale telecomando che si trova insieme allo split del condizionatore e consente di gestirlo tranquillamente e comodamente da remoto.

Quindi, lo scopo principale del dongle è quello di provvedere alla clonazione del telecomando: sfruttando la rete wireless di casa, si potrà usare, quindi, anche dal proprio smartphone. In che modo? Ci sarà un’app dedicata che si potrà poi considerare come una sorta di centro di controllo che consentirà di controllare e organizzare il clima in casa.

Ovviamente, c’è anche la possibilità di acquistare direttamente un condizionatore domotico, ovvero che abbia già il supporto per questa funzionalità. Si tratta della scelta chiaramente più semplice, ma deve precedere l’acquisto di qualsiasi tipo di condizionatore per la propria abitazione. Oppure, è una scelta verso cui ci si può indirizzare anche nel caso in cui si debba procedere con la sostituzione del vecchio condizionatore con un modello più moderno e tecnologico. Nel caso in cui, invece, ne aveste già comprato un modello da qualche anno, ecco che il dongle sarà un’ottima soluzione alternativa.

In commercio ci sono numerosi prodotti dongle che permettono di trasformare il proprio condizionatore tradizionale in un condizionatore domotico. Tra quelli maggiormente diffusi troviamo Tado Climatizzatore Intelligente, ma anche Ambi Climate, Melissa Climate e Sensibo Sky. Questi attuatori, dopo essere stati istruiti sul modello di condizionatore presente all’interno delle proprie mura domestiche, riescono a controllare e a gestirlo senza alcun problema. In questo modo, si può raggiungere la possibilità di gestire domoticamente tale elettrodomestico: quindi, si potrà accedere, spegnere direttamente dal proprio smartphone, ma anche pianificarne l’attivazione ad una certa ora della giornata e così via. In altri casi, invece, con dei modelli di impianto piuttosto rari, ci si deve rivolgere direttamente al produttore per capire se ci siano dei moduli aggiuntivi per quel determinato condizionatore che si è acquistato, che permettano di renderlo domotico e, quindi, facilmente gestibile anche da remoto tramite il proprio smartphone.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet