Acquistare una bicicletta da uomo: i consigli degli esperti

Il ciclismo è da sempre uno degli sport più amati e praticati in Italia, anche a livello amatoriale.

Questo perché si può utilizzare la bici non solo per allenarsi, ma anche per scaricare la tensione e lo stress, spostarsi per lavoro e per il semplice piacere di pedalare. Prima di acquistare una bicicletta da uomo, però, è importante fare diverse valutazioni. Innanzitutto, sull’utilizzo che andremo a farne, ma anche sulle caratteristiche che deve avere.

Non bisogna mai commettere l’errore di acquistare la prima bicicletta uomo che vediamo, e che ci piace. Si rischia di scoprire fin troppo presto che non è adatta all’utilizzo che ne avevamo pensato. In questo caso, infatti, il risultato è sempre lo stesso: la bici finisce in cantina oppure dritta su un annuncio su uno di siti di compravendita dell’usato. Il primo passo sta nel verificare, dunque, che genere di ciclista siamo. Se utilizzeremo la bici solo per andare al lavoro, solo per le passeggiate pomeridiane oppure per lunghe sessioni di allenamento. Appurato ciò, è il caso di identificare il settore di riferimento, quello che soddisfa nel migliore dei modi le nostre esigenze.

Se, ad esempio, vogliamo effettuare viaggi lunghi su terreni misti, è meglio evitare una bici MTB. Se abbiamo, ad esempio, intenzione di acquistare una bicicletta da uomo da usare solo in città, allora lo scenario cambia. Sul mercato esistono diversi modelli con telaio in acciaio a passo lungo, freni a pattino, o a bacchetta perfette per i circuiti cittadini. Oppure è possibile scegliere le bici con telaio in acciaio, o alluminio, che colpiscono per la particolarità del doppio tubo orizzontale, indicato per trasportare borse classiche in cuoio, o altro materiale cruelty free, con apposito aggancio.Le bici olandesi, ad esempio, sono adatte a qualunque condizione meteo. Questo grazie al sistema frenante integrato nel mozzo anteriore, che è normalmente abbinato a contropedale posteriore e grazie al cambio integrato nel mozzo posteriore.

Per chi vuole pedalare anche nelle ore serali il consiglio è di acquistare una bici dotata di impianto di illuminazione. L’impianto in genere è collegato al mozzo a dinamo, quindi non servirà ricordarsi di cambiare la pila, né sostituire o aggiustare la dinamo esterna.

Le city bike, invece, derivano dalle mountain bike e sono maneggevoli e trasportabili, dotate di fanaleria e catarifrangenti (obbligatori), portapacchi posteriore, cambio integrato nel mozzo, o esterno, seduta larga ad altezza regolabile.Per questi modelli di solito molto comodi il manubrio è ampio e si piega e sale verso l’alto per permettere al ciclista di guidare guardandosi attorno nel traffico. Le ruote delle city bike sono da 28 o da 28 pollici e montano pneumatici non eccessivamente tassellati, ma adeguatamente scolpiti per rendere al massimo sui diversi fondi come quelli bagnati o irregolari.

La legge italiana obbliga alla dotazione di un campanello. Questo sistema è utilissimo, per esempio per avvisare del proprio passaggio l’eterogenea utenza delle ciclabili. Ecco, dunque, i fattori da considerare quando si acquista una bici.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet