Le ipotesi per terminare la Coppa Italia

L’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus sta provocando una serie di danni serissimi a tutto lo sport italiano e non solamente al mondo del calcio. In realtà, però, i fan del pallone non vedono chiaramente l’ora che tutto questo finisca e di poter tornare alla normalità. Se le gare da recuperare in campionato sono numerose, quelle che riguardano la Coppa Italia, in fondo sono pochissime.

Se volete portarvi avanti e scommettere su una delle quattro squadre che si stanno contendendo la finale, allora prima di tutto bisogna avere una buona panoramica dei migliori bookmakers, in maniera tale da scegliere in maniera consapevole la piattaforma più adatta alle proprie esigenze e anche alle proprie preferenze. È importante tenere in considerazione come i portali in cui scommettere migliori sono indubbiamente quelli che hanno il marchio AAMS, vera e propria garanzia di sicurezza e affidabilità sul web.

Calendario congestionato: che fine fare alla Coppa Italia?

Un po’ tutti gli appassionati di calcio sono perfettamente a conoscenza di come la Coppa Italia, nel corso degli ultimi decenni sia stata parecchio bistrattata. Insomma, era diventata una coppa di poco conto, ma nel corso degli ultimi anni un po’ di attenzione in più è riuscita a catalizzarla.

Certamente, non si può minimamente paragonare alla coppa nazionale che viene organizzata in Inghilterra e anche in altri Paesi Europei, ma ad ogni modo, rimane uno dei trofei stagionali che permettono di terminare la stagione evitando l’etichetta di “zero titoli”. Una sorta di premio di consolazione per tutte quelle squadre che, nell’ultimo decennio, hanno avuto grandi difficoltà anche solamente a giocarsi le proprie chance scudetto.

Considerare la Coppa Italia solo ed esclusivamente come un riconoscimento di consolazione, però, è totalmente sbagliato. Infatti, la compagine che la vince ha l’opportunità anche di mettere le mani su un posto in Europa League.

In realtà, però, la Coppa Italia era già arrivata quasi all’atto finale, visto che Lazio, Inter, Milan e Juventus devono affrontare ancora la gara di ritorno. Poi mancherebbe solamente l’atto finale, ma è chiaro che in questo momento i calendari sono talmente intasati che è difficile anche solo individuare un piccolo spazio in cui inserire la sfida di ritorno delle semifinali e la finale.

Il rischio principale che si corre in questo momento è che la Coppa Italia potrebbe non trovare davvero spazio in un calendario che sarà estremamente ricco di impegni, tenendo conto di come alcune squadre potrebbero proseguire il loro cammino in ambito europeo e ci saranno delle gare in più da tenere in considerazione nell’organizzazione del calendario. E, a giugno, sono in programma gli Europei di calcio, anche se al momento non si può certamente evitare di considerare un loro potenziale rinvio al 2021.

Ora come ora, però, è molto complicato provare a capire che fine possano fare le ultime gare dell’attuale edizione della Coppa Italia: si tratta di Juventus – Milan, in cui si parte da un risultato di parità, con l’1-1 di San Siro, e Napoli – Inter, con i partenopei che hanno vinto in trasferta, in casa della compagine nerazzurra allenata da Antonio Conte.

Ecco le proposte

Scopriamo quelle che sono le proposte che si stanno prendendo in considerazione. Si tratta della Final Four, della deroga oppure della finale rimandata ad agosto. La prima ipotesi è quella paventata dal Corriere della Sera, che suggerisce di organizzare una Final Fourche ricalca il modello della pallacanestro maschile, che si dovrebbe svolgere in 2-3 giorni in una sola sede, tenendo comunque in considerazione i risultati delle due gare di andata.

Questa proposta verrebbe organizzata a stagione conclusa, comunque prima dell’inizio degli Europei di calcio: temporalmente, si potrebbe collocare tra gli ultimi giorni di maggio e i primi di giugno. Il quotidiano Repubblica propone, nelle medesime date, le semifinali di ritorno il 20 maggio e la finale l’1 giugno, con una deroga da richiedere alla UEFA. Altrimenti, la Gazzetta della Sport propone sempre le semifinali il 20 maggio, ma una finale da disputare il primo giorno del mese di agosto.

Nessuna connessione internet