Ti serve un prestito? Valuta la cessione del quinto

Se hai bisogno di un prestito per realizzare un piccolo progetto o un sogno puoi fare affidamento alla formula della cessione del quinto.

Difatti questo finanziamento ti permette di pagare in comode rate automatiche senza sorprese e lasciandoti i quattro quinti dello stipendio fondamentali per vivere. In questo articolo ti spieghiamo cos’è e come funziona per cui continua a leggere e vedi gli esempi di cessione del quinto.

Cos’è la cessione del quinto

La cessione del quinto è una forma di prestito personale al consumo di breve e medio termine. È un prestito non finalizzato, ovvero svincolato da uno specifico acquisto. Le rate vengono rimborsate versando un quinto dello stipendio netto o della pensione netta.

Il suo funzionamento è semplicissimo. Difatti richiede una stipula dietro presentazione dei requisiti con la quale l’istituto scelto eroga il finanziamento per la cifra concordata. La cifra verrà restituita a rate con trattenute automatiche dal datore di lavoro o dall’ente di pensionamento. La rata mensile, compresi gli interessi, non supera mai il quinto del tuo stipendio o della pensione.

A chi è rivolta?

La cessione del quinto può essere richiesta da cittadini residenti in Italia maggiorenni. Questi possono essere dipendenti pubblici, privati o statali e pensionati. Anche i dipendenti a tempo determinato possono accedere alla cessione del quinto ma con la condizione per cui il prestito, ovvero la restituzione, non debba superare la scadenza del contratto. Per questo oltre alla maggiore età e alla residenza in Italia sono necessari una pensione o una busta paga. Questo significa che l’istituto di erogazione avvierà una semplice pratica di analisi per valutare tutti i requisiti del richiedente e, quindi, la titolarità del contratto e l’affidabilità dell’azienda presso cui lo stesso opera.

Cosa serve per ottenerlo?

La procedura è molto semplice. Sono necessari pochi documenti per richiedere la cessione del quinto, ovvero il documento di identità, il codice fiscale, le ultime due buste paga, il CUD ed un certificato di stipendio. Per i pensionati, invece, il certificato di stipendio è sostituito dal documento che attesti il percepimento della pensione. A seconda dell’istituto a cui ti affiderai potrebbero essere necessari altri documenti. Alla tua pratica sarà abbinata anche la stipula di una polizza assicurativa che copra la restituzione in caso di perdita del posto di lavoro o di decesso.

Quali sono i vantaggi?

I vantaggi della cessione del quinto sono numerosi. In primo luogo non devi legare la richiesta di finanziamento ad una specifica motivazione. Essendo un micro-prestito le rate sono comode e partono automaticamente, così che tu non debba preoccuparti di ritardi o scadenze. Inoltre la durata può arrivare fino a dieci mesi e questo significa che l’importo delle rate non supera mai il 20% del tuo stipendio. Questo metodo agevola il consumatore anche nell’affrontare le sue spese quotidiane senza affaticare troppo i bilanci. È un prestito vantaggioso per il quale ti invitiamo a consultarti subito con il tuo consulente di fiducia e a valutare le opzioni più convenienti per le tue necessità.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet