Calcolo rata prestito: oggi si può fare in rete

Nel corso del 2020 il numero di prestiti personali richiesti ed erogati in Italia è diminuito di circa il 24%, rispetto a quanto è avvenuto nel 2019.

Le banche si stanno muovendo per offrire migliori condizioni sui prestiti personali, in modo che nel 2021 i loro clienti siano più propensi a richiedere un finanziamento, di qualsiasi genere. Oltre a questo, un numero crescente di banche sta cominciando a produrre anche servizi online, tra cui la possibilità di svolgere rapidamente il calcolo della rata del prestito.

A cosa serve calcolare la rata

La possibilità di poter calcolare, con una certa precisione, l’ammontare effettivo delle rate di un prestito è importante per svariate ragioni. Prima tra tutte, avere un’idea quanto più chiara e realistica della somma che dovrà essere versata mensilmente per ripagare il prestito. è molto importante ragionare su quanto effettivamente si dovrà versare ogni mese per ottenere i fondi di cui si necessita, per saldare i conti di una piccola ristrutturazione o per avere maggiore liquidità in banca. Il calcolo della rata del prestito serve proprio a questo; inserendo alcuni dati, tra cui la cifra di cui si necessita, sarà facile comprendere quale dovrà essere il periodo di ammortamento necessario a restituire il capitale pagando ogni mese una cifra affrontabile.

Come si calcola la rata

Per calcolare la rata del prestito è necessario avere i dati di cui abbiamo parlato in precedenza: l’ammontare della cifra richiesta, la durata del periodo di ammortamento (in sostanza il numero totale delle rate da pagare), il tasso di interesse offerto dalla banca. Il problema risiede nel fatto che gli interessi vanno calcolati di anno in anno. Considerando anche il fatto che con il passare del tempo la cifra su cui vanno calcolati diminuisce progressivamente, non si tratta di un calcolo molto semplice, anzi, servono appositi strumenti per effettuarlo con semplicità. Per risolvere questo problema, senza dover andare in banca, alcuni siti offrono semplici strumenti che semplificano questo processo. Lo fanno ad esempio i siti di alcuni istituti bancari, i quali permettono di fare un conteggio preciso, considerando le effettive condizioni da essi stessi offerte.

Scegliere il prestito migliore

Fissando l’ammontare della rata, l’offerta migliore è quella che permette di ottenere cifre maggiori da saldare in minor tempo. In questo modo si avrà la possibilità di pagare un costo inferiore per il denaro ottenuto come finanziamento. Tale dato dipende dal tasso di interesse proposto dalla banca, che ha le caratteristiche tipiche di una qualsiasi offerta commerciale. Nel senso che non esiste un indice a cui le banche fanno riferimento per stabilire i tassi di interesse da offrire ai propri clienti. In linea generale in questo periodo storico i tassi di interesse sui prestiti personali sono abbastanza bassi, cosa che dovrebbero spingere chi necessita di fondi a richiederli a una banca.

Flessibilità

In generale, quando si richiede un finanziamento, viene preferito il tasso fisso, che quindi si mantiene uguale per l’intero periodo di ammortamento. Ciò che può variare è l’opportunità di approfittare di alcuni servizi, che rendono più flessibile il prestito. Si pensi alla possibilità di modificare gli importi delle rate, andando ovviamente ad influire anche sul periodo di ammortamento. Oppure alle offerte che propongono la possibilità di saltare una o più rata, una volta all’anno o ogni due anni. In questo modo in un periodo in cui la famiglia deve sostenere spese particolari potrà non doversi preoccupare della rata. Sono servizi che possono interessare in modo più o meno preponderante e che possono quindi essere utili ad alcuni clienti, e superflui per altri.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet