Ricarica Rapida: tutto quello che devi sapere e perché non portai più farne a meno

Se non si riesce ad aumentare la capacità della batteria, meglio aumentare la velocità della carica. Questo è proprio quello che stanno facendo i più importanti produttori di smartphone e accessori oggi.

Ciò nonostante attorno alla ricarica rapida o quick charge continuano a persistere interrogativi e un po' di confusione.

In questo articolo cercheremo di:

  • Chiarire che cosa sia e come funziona la ricarica rapida;
  • Perché la ricarica veloce è utile ed efficace;
  • Perché serve questo tipo di ricarica e quali sono i modelli di smartphone che ne sono dotati.

Dagli smartphone ai laptop, dai cavi ai caricabatterie, tutti i produttori di dispositivi citano la parola "ricarica rapida". Ma che cosa significa veramente e quali dispositivi possono usufruirne? Il termine "ricarica rapida" viene spesso utilizzato per commercializzare caricabatterie e dispositivi in grado di caricarsi più velocemente dell'attuale standard di ricarica (5 W). Sebbene ci siano diverse tecnologie in grado di raggiungere velocità di ricarica così elevate, non esiste ancora un termine standard per l'argomento. A parte questa non conformità, è bene sapere che mentre molti produttori pubblicizzano le elevate velocità di ricarica dei loro prodotti, la ricarica offerta potrebbe essere semplice come la ricarica standard da 5 W.

Gli elementi base della ricarica sono:

  • Amperaggio;
  • Voltaggio;
  • Watt.

Vediamoli nel dettaglio. L'amperaggio (o corrente) è la quantità di energia che fluisce da una batteria a un telefono o altro dispositivo collegato. Il voltaggio è la velocità o l'intensità della corrente. I watt si ottengono moltiplicando amperaggio e voltaggio. La ricarica avviene in due fasi. Nella prima fase, la tensione più alta aumenta la velocità di carica. I caricabatterie a ricarica rapida utilizzano questo passaggio per aumentare il flusso di alimentazione. Una volta che la batteria riceve la maggior parte della sua carica, il caricabatterie riduce la tensione per evitare il surriscaldamento o il sovraccarico, mantenendo lo smartphone e il caricabatterie al sicuro.

Non puoi aspettare? Con la ricarica rapida elimini l’attesa

Una nuova generazione di tecnologia di ricarica rapida sta per cambiare il Mondo degli accessori con cui carichiamo i nostri smartphone.

La nuova tecnologia di ricarica rapida è in grado di caricare un telefono da zero al 50% in soli 30 minuti e fino all'80% in 45 minuti. Questa è solo una frazione del tempo necessario a un caricabatterie standard per caricare completamente un telefono.

Il principale vantaggio di questa nuova tecnologia di ricarica veloce rispetto ad altre tecnologie è che può essere utilizzata con qualsiasi tipo di smartphone, indipendentemente dal fatto che abbia o meno funzionalità di ricarica wireless.

Ricarica rapida, come riconoscere gli accessori e i cellulari che la supportano

Come identificare un caricatore veloce? Per assicurarti che il caricabatterie possa caricare rapidamente il tuo dispositivo, puoi verificarne la compatibilità con il produttore. Come regola generale, una singola porta di un caricabatteria deve avere almeno 18 W per fornire una ricarica rapida. Puoi anche cercare i loghi USB Power Delivery e Quick Charge sulla confezione. Con la ricarica rapida, l'efficienza di ricarica è massimizzata, aumentando il livello di potenza (o watt) che la batteria può assorbire. Riducendo i tempi di ricarica. In un sistema di ricarica rapida, la tensione della corrente aumenta mentre l'amperaggio rimane quasi lo stesso. Ovviamente, questi dispositivi hanno chip per gestire questi flussi di energia più potenti rispetto al passato.

Se non scegli la ricarica rapida ora, te ne potresti pentire poi

Aspettando il ritiro delle batterie agli ioni di litio perché superate grazie all’aiuto delle nuove tecnologie, la soluzione più comoda per i nostri smartphone è rappresentata dalla ricarica rapida che consente di ottenere un 50% di durata della batteria con il collegamento al sistema di ricarica di pochi minuti. La maggior parte di noi quando compra uno smartphone dotato di ricarica rapida si sarà chiesto come funziona tale Plus. Semplice, quando lo smartphone è collegato al caricabatterie da rete, il sistema di alimentazione è "filtrato" dai circuiti interni della fonte di alimentazione (carica batterie) Questa modalità di ricarica previene anche il danneggiamento dei componenti interni dello smartphone. Normalmente, i telefonini, infatti, hanno un livello oltre il quale, c’è il rischio di creare cortocircuiti. Il caricatore ha quindi la funzione di controllare l'energia in ingresso. La ricarica rapida è pericolosa? Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i sistemi di ricarica rapida non sono affatto pericolosi. In realtà, è vero il contrario. Il lavoro di gestione dell'alimentazione in entrata nei telefoni ha portato a standard di sicurezza più rigorosi che i produttori devono seguire. Quindi per il momento quasi tutte le marche di telefonini hanno implementato tecnologie di ricarica rapida sui loro modelli più moderni.

Ricarica rapida, una tecnologia variegata tra iPhone Apple e gli altri big player sul mercato, Samsung e Oppo

Il tipo più comune di ricarica rapida è la ricarica rapida, introdotta da Qualcomm. Si chiama così, perché può caricare fino al 40% più velocemente rispetto ad altri caricabatterie.

La tecnologia di ricarica rapida ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. È stato introdotto per la prima volta da Qualcomm e poi Apple ha seguito l'esempio con la sua serie di iPhone. La tecnologia di ricarica rapida si è evoluta nel corso degli anni per diventare più efficiente e conveniente per i consumatori.

Gli standard di ricarica rapida originali e più comuni sono USB Power Delivery (o USB-PD) e Qualcomm Quick Charge. Oltre a questi, potresti anche avere familiarità con gli standard TurboPower, Adaptive Fast Charging o SuperCharge. Molti di questi si basano sulla ricarica rapida di Qualcomm, con un nuovo marchio per scopi di marketing. Allo stesso modo, Apple utilizza lo standard USB-PD per i suoi dispositivi, quindi il tuo iPhone sarà compatibile con tutti i cavi e caricabatterie USB Power Delivery. Poiché queste innovative funzioni consentono di caricare lo smartphone più velocemente rispetto alle velocità di ricarica tradizionale, il telefono e il caricabatterie possono surriscaldarsi durante la ricarica. Per garantire una ricarica sicura in ogni momento, occorre utilizzare sempre caricabatterie e cavi di qualità con tutte le certificazioni pertinenti: solo allora la ricarica rapida sarà sicura come lo è quella standard.

Ricapitolando, ecco gli standard di ricarica veloce disponibili sul mercato oggi:

  • USB Power Delivery;
  • Qualcomm Quick Charge;
  • Samsung Adaptive Fast Charging;
  • Oppo Super VOOC.

La velocità di ricarica è aumentata considerevolmente negli ultimi tempi grazie alla tecnologia di ricarica rapida 

E’ innegabile che la velocità di ricarica sia aumentata di molto negli ultimi anni.

La prima azienda a introdurre questa tecnologia è stata come detto, Qualcomm. L'azienda ha presentato il suo primo sistema di ricarica rapida nel 2013, chiamato Quick Charge 1.0 ed è stato progettato per funzionare con Samsung Galaxy S4, HTC One e altri dispositivi.

USBPD è supportato dai dispositivi Apple, come iPhone, iPad Pro e MacBook, ma è supportato anche da alcuni smartphone come Google Pixel 5 e Galaxy S20 e seguenti. Ha fino a 100 W di potenza in uscita, consentendoti di caricare dispositivi più grandi come tablet e laptop. In ogni caso, il caricatore USBPD può capire quale dispositivo è collegato e fornire così la corretta alimentazione.

Lo standard di ricarica rapida sviluppato da Qualcomm è giunto al Quick Charge 5 in grado di fornire una capacità massima di 100 W. Inoltre, dallo standard basico è stata introdotta la piena compatibilità con lo standard USBPD.

Super Tip: come riconoscere l’attivazione della ricarica rapida nel tuo smartphone

Quando il tuo telefono si carica velocemente, viene visualizzato un logo a forma di fulmine sul telefono.

I caricabatteria per smartphone stanno diventando sempre più avanzati ogni giorno che passa. Ma questa non è l'unica cosa che è cambiata nel mondo della ricarica rapida. Anche la tecnologia alla base ha subito molte evoluzioni.

Ci sono diversi tipi di caricabatterie veloci disponibili oggi sul mercato. Alcuni utilizzano cavi proprietari, mentre altri utilizzano cavi USB-C per caricare il dispositivo il più rapidamente possibile. La ricarica rapida per iPhone e gli accessori per smartphone più recenti sono dotati anche della ricarica wireless Qi, che è un'ottima funzionalità da avere sul tuo smartphone.

I Segreti dietro alla Ricarica rapida, tutti i pro e i contro 

Ci sono dei vantaggi in queste soluzioni, le abbiamo appena elencate, ma ci sono anche degli svantaggi: il primo è che questi sistemi possono utilizzare non solo i loro caricatori, ma anche i cavi forniti dal produttore: cambiando i cavetti si formerà una resistenza interna moderatamente alta per USB di tipo C che dimezzerà le prestazioni di ricarica. Lo stesso vale per tutti gli altri sistemi. Inoltre, la massima potenza è disponibile solo quando lo smartphone è collegato al caricabatterie originale, altrimenti otterrai una semplice ricarica rapida poiché un caricabatterie da 5 V e 2 ampere può fornire 10 watt di potenza. Sebbene queste soluzioni siano le più veloci, sono anche le più limitate perché completamente fuori standard e, soprattutto, sono legate non solo al caricabatterie, ma anche alla tipologia di cavo impiegata.

Solo la verità: la ricarica rapida rovina la batteria dei nostri device?

Infine, dobbiamo stabilire se la ricarica rapida, a lungo andare, possa danneggiare i nostri smartphone

La risposta è NO. Infatti, i continui miglioramenti nella tecnologia di gestione della potenza di ricarica hanno permesso di alzare gli standard di sicurezza a tal punto che tutti i produttori di smartphone (o quasi) stanno integrando la ricarica rapida nei propri dispositivi. Quindi quella che attualmente viene chiamata ricarica rapida (se implementata correttamente, ovviamente) non danneggerà la batteria o i componenti interni del telefono e, soprattutto, è innocua per coloro che utilizzano questi dispositivi. In sintesi, nella ricarica rapida si aumenta il livello del voltaggio della corrente, mentre l'amperaggio resta lo stesso quindi non è pericolosa per la salute dello smartphone.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet