Anche per il 2016, l’Inps premia gli studenti meritevoli con l’erogazione di molteplici borse di studio, dando così un notevole contributo alla spinta della cultura e della formazione in Italia. Queste possono essere considerate a tutti gli effetti le forme successive delle borse di studio Inpdap, erogate fino alla soppressione dell’ente.

In questo bando per le borse di studio Inps, principalmente vengono coinvolte gli studenti delle scuole superiori. Infatti, delle 7.741 borse di studio messe a disposizione, 6.491 sono destinate agli studenti delle scuole superiori, mentre solo 1.250 sono riservate a chi ha frequentato l’ultimo anno della scuola media.

C’è da sottolineare che solo alcuni studenti possono richiedere la borsa di studio Inps, ovvero i figli (o gli orfani o loro equiparati) dei dipendenti iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e alla Gestione Assistenza Magistrale,  figli di pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici e figli dei dipendenti iscritti al Fondo Ipost.

Per gli studenti delle scuole medie, questi requisiti non sono sufficienti per richiedere la borsa di studio, ma bisogna anche aver conseguito la promozione nell’a.s. 2015/2016 e il titolo di studio con una votazione non inferiore agli 8/10 (in caso di studenti disabili la votazione deve essere pari o superiore ai 6/10) e non essere in ritardo con la carriera scolastica per più di un anno.

Invece per gli studenti delle scuole superiori è obbligatorio aver conseguito la promozione nell’a.s. 2015/1016 con votazione pari o superiore a 8/10, inoltre se studenti dell’ultimo anno è necessario aver preso il diploma con una votazione non inferiore agli 80/100 (per gli studenti disabili, il voto della promozione si abbassa a 6/10, mentre quello del diploma a 60/100) e non essere in ritardo nella carriera scolastica per più di un anno.

L’ultimo requisito riguarda l’indicatore ISEE del nucleo familiare: questo deve essere valido alla data di scadenza del bando e, che per lo stesso anno scolastico, gli studenti non abbiano conseguito una borsa di studio superiore al 50% degli importi messi a disposizione dei contributi Inps.

Commenti

Potrebbero interessarti