pirlo gol juve fiorentina europa league
Al 71' l'episodio decisivo: Rodriguez stende al limite Llorente. Fiorentina in 10 e punizione per Pirlo che non sbaglia: traiettoria perfetta e gol-qualificazione per i bianconeri che sbancano il Franchi.

E’ servita una magia di Pirlo su punizione al 71′ per permettere alla Juventus di passare a Firenze e qualificarsi in Europa League ai danni dei viola. Che avevano fatto per larghi tratti dell’incontro la gara ma senza avere avuto la forza e la freddezza di portarsi per primi in vantaggio. Così, come era già accaduto contro il Genoa, pur non giocando un gran calcio i bianconeri si prendono l’intera posta in gioco con passaggio del turno annesso. Colpa di capitan Rodriguez che ha cinturato al limite Llorente, ma merito soprattutto del Re Leone che in una serata negativa (insieme a Tevez, quasi una comparsa per 90 minuti) trova il guizzo vincente che mette a terra la Viola. Per Montella uno smacco: dopo il pareggio a Torino e la buona prima ora in cui Neto non ha praticamente fatto una parata decisiva, il tecnico dei gigliati stava già godendosi un pareggio a reti inviolate che sigificava il proseguimento del cammino europeo. E invece avanti ci va la Juve, una Juve che alla vigilia aveva quasi snobbato il match e la Coppa dando ai viola le maggiori chances.

1° tempo, Fiorentina brava ma inconcludente - Parte benissimo la Fiorentina in un Franchi vestito a festa e con un clima da finale e con un parterre di tutto rispetto dove spicca il nome di Pepito Rossi. Per Montella la chiara volontà di fare la gara, gestire il pallone e pressare alto i bianconeri che fanno fatica a prendere le misure ai viola che nella prima mezz’ora di gioco sono più pericolosi. Nulla di eclatante ma i padroni di casa sembrano determinati soprattutto a centrocampo dove fanno ottimo filtro lasciando passare pochissimi palloni giocabili per Tevez & co. Così se al 20′ Neto si supera su un colpo di testa (in fuorigioco) di Pogba è al 27′ Pizzarro a far gridare al gol i tifosi viola con un destro che si spegne vicino al palo. I bianconeri a metà tempo però provano a schiacciare sull’acceleratore e prima Tevez poi Pogba provano a impensierire Neto sempre attento. Al 39′ ci prova Ilicic dalla distanza: posizione buona ma destro inguardabile che finisce in tribuna. Così il primo tempo finisce a reti inviolate

2° tempo, ci pensa il Professore - Montella cambia a centrocampo: fuori un buon Pizzarro e dentro l’esperienza di Ambrosini. Al 50′ Cuadrado si inventa una discesa delle sue seminando il panico nella difesa bianconera: ci pensa Vidal a fermarlo fallosamente sul limite ma sulla punizione, Borja Valero calcia malissimo tra le braccia di Buffon. Fa meglio al 56′ Cuadrado che dalla destra scaglia un tiro violentissimo che il numero uno bianconero devia con i pugni. Al 59′ risponde la Juve: frseggio Tevez-Pogba, crossa a centro area ma il colpo di testa di Vidal si spegne di poco alto. Ne nasce una gara accesa, giocata a viso aperto da entrambe le formazioni in campo. Al 62′ tocca alla Fiorentina divorare l’occasione giusta con Borja Valero che trova in area Gomez che ci mette troppo tempo a controllare permettendo ai centrali della Juve di recuperare. E’ l’ultima occasioner per il tedesco che poco dopo esce per dar spazio a Matri: linfa fresca per la Viola in avanti. Al 69′ episodio chiave: Llorente si libera e Rodriguez (già ammonito) lo atterra: rosso per il capitano gigliato e Fiorentina in 10: punizione magica di Pirlo e palla in rete. Da quel momento è assolo Juve con una serie di occasioni per il raddoppio sventate da un attento Neto.

 

Tratto da

Fanpage

Commenti

Potrebbero interessarti