seria A

La Juventus batte di misura il Catania e si porta a più nove sul Napoli battuto dal Chievo. Belle vittorie per Parma e Cagliari ai danni di Torino e Samp. Nella sfida decisiva per la salvezza, Siena espugna Palermo e inguaia i rosanero.

Un gol di Giaccherini nel recupero regala un successo preziosissimo alla Juventus. I bianconeri anche grazie al ko del Napoli a Verona per 2 a 0 si porta a più 9 sugli azzurri. Vittorie rotonde per il Parma sul Torino, e per il Cagliari sulla Sampdoria. Il Siena espugna il Palermo e inguaia i rosanero che ora vedono la Serie B vicinissima. Colpaccio della Fiorentina a Roma contro la Lazio e tonfo dell’Inter in casa contro il Bologna.

Lazio-Fiorentina 0-2 (19′ pt Jovetic, 5′ st Ljajic). La Fiorentina vince 2 – 0 all’Olimpico e sale al quarto posto. La squadra di Montella ha dominato contro la Lazio. Al 19’ Jovetic ha chiuso una splendida azione corale della Fiorentina. Il dodicesimo gol del montenegrino ha spianato la strada dei viola, che più volte hanno mancato il raddoppio nel primo tempo. Al 5’ della ripresa Ljajic, su calcio di punizione, ha superato Marchetti. La squadra di Petkovic, apparsa svuotata fisicamente e mentalmente, non è riuscita quasi mai ad impensierire Viviano. La Fiorentina, che ha scavalcato Lazio e Inter, adesso è a tre punti dal Milan e a cinque dal Napoli.

Inter-Bologna 0-1 (12′ st Gilardino). Alberto Gilardino condanna l’Inter. Con un gran gol in avvio di ripresa, l’11sima stagionale, l’attaccante piemontese mette a nudo i gravissimi limiti dei nerazzurri, stanchi e privi di idee (specie nel primo tempo) rallentandone pesantemente la corsa al terzo posto, adesso distante 4 punti. Successo meritato per il Bologna, adesso in una posizione di classifica molto piu’ tranquilla, salvato nel finale da Curci. Antonsson sfiora subito il gol complice indecisione Ranocchia-Carrizo. Avvio shock per l’Inter, con Zanetti che festeggia la 600sima in nerazzurro nel peggiore dei modi. Quando l’Inter sembra migliorare, il Bologna colpisce: gran palla di Perez per Gilardino, che al volo fredda Carrizo. Reazione Inter con Schelotto per Palacio, decisivo Antonsson. Preciso in uscita Curci su Ranocchia servito da Cassano, l’Inter almeno ci mette il cuore. E Guarin, al 25′, scalda i guantoni a Curci con un destro potentissimo. L’Inter spinge: Naldo devia in angolo un tiro di Cassano, ma troppa imprecisione, e ci vuole un bel riflesso di Carrizo (34′) sul colpo di testa di Krhin per evitare il tracollo.

Juventus-Catania 1-0 (46′ st Giaccherini) – Pirlo batte all’8′ un gran calcio di punizione in area ma nè Chiellini nè Pogba arrivano sul pallone. Al 15′ è Vucinic a sfiorare il gol con un tiro che Andujar devia in corner. Dopo un tiro di Lodi di poco a lato, bell’uno-due al 32′ Giovinco-Marchisio con il tiro di quest’ultimo che con una deviazione sfiora il palo alla sinistra del portiere. Palo di Vucinic al 34′: pasticcio difensivo del Catania con il montenegrino che da pochi passi in precario equilibrio colpisce il montante. Subito dopo espulso Maran per proteste su un mancato fallo su Gomez. Lo stesso Gomez al 40′ è ammonito per simulazione. Bomba di Pogba al 7′ del secondo tempo: il pallone però non beffa Andujar che devia in corner. Conte lancia nella mischia Matri al posto di Giovinco. Al 22′ si fa vedere il Catania con Castro che calcia fuori, dopo un pallone rubato a Pirlo. Grande occasione per la Juventus: punizione dal limite di Pirlo, ribattuta di Alvarez e Marchisio sfiora il palo con una deviazione in tuffo. Altro cambio per i bianconeri con Quagliarella che sostituisce Vucinic. Giaccherini firma il vantaggio al 46′ st! Splendida iniziativa di Pogba che mette al centro un gran cross deviato da Andujar sui piedi di Giaccherini che stoppa e batte il portiere. Al 47′ Quagliarella fallisce il raddoppio a pochi passi da Andujar

Chievo-Napoli 2-0 (12′ pt Dramè, 42′ pt Thereau) – Gialloblu pericolosi al 3′ con Thereau che a tu per tu con De Sanctis viene anticipato provvidenzialmente da Campagnaro. Zuniga ci prova dalla distanza al 10′ ma il pallone finisce fuori. Gran gol di Dramè!! Il centrocampista al 12′  scaglia un gran tiro da distanza siderale che non lascia scampo a De Sanctis. Ancora Chievo al 14′ con Paloschi che di testa mette i brividi a De Sanctis. Al 20′ ci prova Cavani: il Matador dopo aver stoppato un pallone prova la conclusione d’esterno ma Puggioni para a terra. Insigne al 26′ prova la soluzione dalla distanza: gran tiro dal limite dell’area ma il pallone finisce fuori. Doppia occasione per il Napoli al 36′: prima una gran punizione al limite di Cavani viene deviata fuori area da Puggioni che è bravo ancora su un tiro da fuori di Rolando. Al 42′ Thereau partito davvero al limite del fuorigioco stoppa alla perfezione e batte De Sanctis che si lascia beffare dal pallone sotto le braccia. In avvio di ripresa, Mazzarri cambia le carte in tavola: Dzemaili in campo per Gamberini. Al 48′ grande occasione per Cavani che dall’altezza del dischetto sciupa un assist di Dzemaili calciando altissimo. Al 12′ st Cavani conquista un calcio di rigore per un fallo di Dainelli: il Matador dal dischetto si fa ipnotizzare da Puggioni! Il risultato resta invariato. Subito dopo Paloschi a tu per tu con De Sanctis esalta le doti del portiere avversario. Insigne ci prova da fuori al 21′ ma il pallone finisce ampiamente fuori. A 40′ ancora Puggioni dice no a Cavani dopo un gran tiro dell’uruguaiano

Palermo-Siena 1-2 (44′ pt Anselmo, 7′ st Emeghara, 25′ st Rosina ) – Al 3′ padroni di casa pericolosi con un tiro di Dossena che Pegolo in tuffo devia in corner. Occasionissima per il Siena al 9′ con un colpo di testa di Rosina dopo un bel cross di Sestu: Sorrentino si salva in corner. al 35′ è ancora il Siena ad essere pericoloso con Rosina che da pochi passi calcia alto. Anselmo porta in vantaggio il Palermo al 44′ pt: tocco facile facile dopo una ribattuta di Pegolo dopo una goffa deviazione di Terlizzi che ha rischiato l’autorete. In avvio di ripresa l’autore del gol Anselmo lascia il posto a Nelson. Emeghara pareggia i conti in avvio di secondo tempo: dopo un’uscita disastrosa di Sorrentino, il centravanti a porta vuota di testa firma il pareggio. Nel Palermo Ilicic in campo per Miccoli. Al 25′ della ripresa notte fonda per il Palermo con Rosina che dal dischetto spiazza Sorrentino dopo un rigore concesso per fallo di Von Bergen. Al 34′ gran traversa di Munoz con un bel colpo di testa: anche sfortunati i rosanero

Parma-Torino 4-1 (11′ st Santana, 32′ st, 37′ st 45′ st Amauri, 34′ st Sansone) – Al 3′ brutto disimpegno per gli ospiti e Biabiany e Amauri non ne approfittano. Lo stesso Amauri al 14′ s’invola sulla sinistra entra in area e prova il tiro a giro che si spegne di poco alto sul fondo. Al 39′ ammonito Amuri per proteste dopo un contrasto in area avversaria con Glik. Al 43′ pt prima super Gillet salva su una rovesciata di Amauri  e poi Vives a porta vuota salva la sua porta dopo un’uscita a vuoti del portiere granata. Primo cambio nella ripresa con Mesbah in campo per Valdes. Bella azione di Gazzi che serve tutto solo Santana che in posizione dubbia non sbaglia portando in vantaggio il Torino. Esce Biabiany entra Palladino nel Parma. Al 12′ palo di Birsa con il Torino che sfiora il raddoppio. Al 17′ incredibile errore di Bianchi che con la porta spalancata centra in pieno Mirante. Amauri il migliore in campo pareggia al 31′ anticipando Ogbonna con un bel tocco di piatto. Sansone firma il sorpasso con un bel piatto a giro al 34′ che non lascia scampo a Gillet. Al 37′ ancora Amauri piazza il gol del tris: dopo una travolgente azione personale il centravanti non sbaglia a tu per tu con Gillet. Amauri scatenato centra la tripletta al 45′ dopo una bella iniziativa di Sansone.

Cagliari-Sampdoria 3-1 (18′ pt, 7′ e 27 ‘st  Ibarbo, 44′ st Maxi Lopez) – Al 18′ Cagliari in vantaggio con Ibarbo! Il colombiano ribatte in rete un pallone ribattuto da Romero dopo un tiro ravvicinato di Ekdal. Dopo 27 minuti sono 2 gli ammoniti, uno per parte: Obiang della Samp e Nainggolan per i padroni di casa. Grande iniziativa di Ibarbo al 41′, con il colombiano che sull’uscita di Romero lo dribbla e mette un pallone morbido in area che nessuno raccoglie. Nella ripresa Avramov sostituisce Agazzi che ha rimediato una botta al capo. Al 7′ della ripresa arriva il raddoppio di Ibarbo che da pochi passi scarica in rete un destro potentissimo. Ancora Ibarbo in gol al 27′ con un colpo di testa facile facile da posizione ravvicinata. Al 44′ espulso Rossettini per fallo da ultimo uomo su Eder e calcio di rigore per la Samp che accorcia le distanze con Maxi Lopez

 

Tratto da

FanPage