fio napoli

Fiorentina-Napoli 1-2, Milan-Lazio 1-1, Juventus-Catania 4-0, Sassuolo-Udinese 1-2, Cagliari-Bologna 0-3, Genoa-Parma 1-0, Verona-Sampdoria 2-0 Livorno-Torino 3-3.

Gol, spettacolo ed emozioni nel turno infrasettimanale della 10a giornata di Serie A. Il Napoli ha espugnato il campo della Fiorentina, rispondendo alla Juventus che ha asfaltato il Catania con un perentorio 4 a 0. Impresa del Bologna che espugna il campo del Cagliari con un rotondo 0-3, e successi importanti anche per Udinese e Genoa rispettivamente contro Sassuolo e Parma. Continua a volare il Verona che con un secco 2 a 0 ha archiviato la pratica Sampdoria.

I MATCH

Fiorentina-Napoli 1-2 (11′ Callejon, 27′ Rossi, 36′ Mertens) – Meglio la Fiorentina in avvio e al 7′ bella iniziativa di Cuadrado che scarica un destro da posizione defilata senza trovare la porta. Alla prima azione però il Napoli trova il vantaggio con Callejon: gran sinistro al volo su assist di Higuain e Neto è battuto. Occasione per i viola al 19′: sugli sviluppi di un corner il pallone balla pericolosamente davanti a Reina, ma Rossi non trova la deviazione vincente. Rigore per i viola al 27′ per una spinta di Fernandez su Savic sugli sviluppi di una punizione. Rossi dal dischetto non sbaglia e firma l’1 a 1. Al 30′ clamoroso palo di Cuadrado con una bella conclusione dal limite. Nuovo vantaggio azzurro al 36′ con Mertens che entra in area dopo uno scambio con Pandev e beffa Neto con un diagonale preciso. Rossi prima non sfrutta un’indecisione di Reina e poi al 18′ cade al limite chiedendo un rigore che non c’è. Al 28′ miracolo di Reina su un gran tiro a giro di Rossi che cercava il sette. Napoli in 10 al 34′ per il secondo giallo a Maggio dopo un fallo su Matos. Benitez corre ai ripari e inserisce Armero per Pandev. Al 45′ doppio giallo per Cuadrado, ancora per simulazione. Le immagini però danno ragione al colombiano.

Milan-Lazio 1-1 (8′ Kakà, 26′ Ciani) - Subito Balotelli pericoloso al 3′: conclusione dal limite e Marchetti con un intervento in due tempi salva la porta. Grande occasione per Kakà al 17′: il brasiliano strappa il pallone ad un avversario e per pochissimo non trova il jolly con un bel diagonale. In avvio di ripresa cambio clamoroso in casa Lazio: out Hernanes e in campo Onazi. Occasione d’oro per Klose al 5′: il tedesco viene smarcato in area da un rimpallo ma sbaglia il controllo a pochi passi da Gabriel. All’8′ della ripresa arriva la perla di Kakà che fa impazzire San Siro: tiro a giro impressionante del brasiliano e vantaggio rossonero. Al 27′ pareggio della Lazio con Ciani! Il francese colpevolmente solo firma la rete dell’1 a 1 con un colpo di testa che beffa Gabriel. Gran palla gol per la Lazio al 36′ con Klose che a tu per tu con Gabriel calcia tra le braccia del portiere brasiliano

Juventus-Catania 4-0 (26′ Vidal, 33′ Pirlo, 20′ st Tevez, 26′ Bonucci) – Bianconeri subito pericolosi dopo un minuto con un bel tiro di Tevez dal limite che sorvola la traversa. Ancora Tevez al 9′ tenta la conclusione volante ma il pallone finisce tra le mani di Andujar. Occasione Catania al 14′: Bergessio tutto solo dal limite prova la conclusione che con una deviazione per poco non beffa Buffon. Llorente ad un passo dal vantaggio al 16′: il colpo di testa dello spagnolo su cross di De Ceglie finisce di poco fuori. Gol della Juve al 26′ ancora con Vidal: il centrocampista tira dal limite e con una doppia deviazione beffa Andujar. Al 33′ arriva il raddoppio bianconero con unna magistrale punizione dal limite di Andrea Pirlo. In avvio di ripresa problemi al ginocchio per Bonucci che si tocca il ginocchio molto dolorante. Lo stesso Bonucci torna in campo tranquillamente e al 5′ sugli sviluppi di un corner sciupa un’ottima occasione ciccando il pallone. Tevez firma il tris al 20′: uno due fortunato con Llorente per l’argentino che dribbla Andujar e segna il 3 a 0. Al 26′ arriva il poker bianconero con Bonucci: il difensore servito da Giovinco subentrato a Tevez, batte con freddezza Andujar. Catania in 10 per l’espulsione di Guarente: doppio giallo per il centrocampista.

Genoa-Parma 1-0 (11′ Gilardino) – Prima emozione del match al 3′: rigore per i rossoblu per fallo di Benalouane su Feftazdis. Dal dischetto Gilardino si fa ipnotizzare da Mirante. Brutte notizie alla mezz’ora per il Genoa che perde Vrsaljko per infortunio: al suo posto entra Centurion. Problemi al ginocchio per lui. All’11 della ripresa vantaggio genoano con il solito Gilardino: grandissimo stacco di testa su cross di Biondini. Subito dopo annullato il gol del pari a Mesbah per fuorigioco: situazione al limite

Cagliari-Bologna 0-3 (26′ Garics, 12′ st Kone, 15′ Pazienza) – Il primo pericolo lo crea Cristaldo che non trova la via del gol al 5′. 5 minuti dopo ci prova Laxalt, ma il pallone finisce in curva. Ospiti in vantaggio al 26′: tiro di Kone che trova impreparato Agazzi, che devia il pallone su Garics che non sbaglia. Bologna vicino al raddoppio al 38′ con un gran colpo di tacco di Kone che questa volta non beffa Agazzi. Occasionissima per i padroni di casa al 47′ con Ibrahimi che trova la gran risposta di Curci. Al 12′ della ripresa Kone finalizza un perfetto contropiede battendo Agazzi. Il portiere sardo si arrende 3 minuti più tardi a Pazienza che tutto solo di testa non sbaglia

Livorno-Torino 3-3 (3′ Immobile, 7′ Glik, 25′ Paulinho, 33′ Greco, 17′ Emerson, 40′ Cerci) - Ospiti in vantaggio già al 3′ con Ciro Immobile. Tocco semplice del centravanti che sfrutta un cross dalla destra per battere Bardi. Nemmeno 4 minuti e arriva il raddoppio di Glik che tutto solo di testa firma il 2 a 0 sugli sviluppi di un corner. Paulinho riapre il match al 25′ con una deviazione vincente su assist perfetto di Schiattarella dalla destra. Pareggio labronico al 33′ con Greco che con una bella conclusione batte Padelli. Bardi è decisivo al 33′ su un gran colpo di testa di Glik che non sorprende il portiere avversario. Al 38′ Ancora il portiere salva un velenoso corner di Cerci che per poco non beffa il portiere avversario. Cambia Ventura nella ripresa: Barreto al posto di El Kaddouri. Il Livorno completa la rimonta con Emerson che con un tiro da distanza siderale beffa Padelli per l’incredibile 3-2. Rigore per il Torino al 40′ per un fallo di mano di Rinaudo su conclusione ravvicinata di Immobile. Cerci non sbaglia dal dischetto

Sassuolo-Udinese 1-2 (17′ Di Natale, 24′ Zaza, 11′ st Muriel) – Ospiti in vantaggio al 17′ con il solito Di Natale che non sbaglia dal dischetto. Il rigore era stato concesso per un fallo di Ziegler su Basta a pochi passi da Pegolo. Lo svizzero, solo ammonito, forse avrebbe meritato il rosso. Pareggio emiliano al 24′: leggerezza di Naldo che si fa scippare il pallone da Zaza che trova il gol del pari. Udinese ancora avanti all’11′ del secondo tempo con Muriel: gran tiro a giro dell’attaccante che sfrutta una bella percussione di Pereyra. Al 25′ Pegolo tiene a galla il Sassuolo salvando su una deviazione ravvicinata di Naldo. Il collega Brkic si esalta poco dopo su una gran conclusione al volo di Zaza. Strada in salita per il Sassuolo al 34′: espulso Zaza per un fallaccio su Gabriel Silva. Al 43′ gran punizione di Floro Flores e super risposta di Brkic. Al 48′ ancora Brkic è super su una conclusione a botta sicura di Marrone dall’interno dell’area.

Verona-Sampdoria 2-0 (5′ Gomez, 32′ Toni) – Primo squillo gialloblu con Halfreddson che con un tiro da fuori al 5′ impegna Da Costa. La Samp risponde con Gabbiadini che con un bel diagonale incrociato sfiora il vantaggio all’11′. Vantaggio veronese al 5′ del secondo tempo con Gomez che castiga Da Costa dopo uno splendido uno-due con Toni. Pasticcio doriano subito dopo e Gomez per pochissimo non sfrutta un erroraccio di Da Costa sul rinvio. Al 32′ Toni firma il 2 a 0! Il centravanti prima cicca il pallone e poi calcia lo stesso di sinistro battendo Da Costa

Atalanta-Inter 1-1 (16′ Alvarez, 25′ Denis) - L’Atalanta, nell’anticipo della 10a giornata di Serie A, ottiene il primo pareggio stagionale contro l’Inter, che ancora una volta non riesce a vincere a Bergamo. Il match è stato molto combattuto, piacevole. L’Inter è passato in vantaggio con Alvarez al 16′ e l’Atalanta ha trovato il pari con Denis, che al 25′ ha segnato il quinto gol in campionato. Mazzarri sale a quota 19, mentre Colantuono si avvicina alla Lazio ed allunga sul Milan.

Dopo il pareggio tra Atalanta e Inter, è tutto pronto per il piatto forte del 10° turno di Serie A 2013/2014. Un mercoledì da leoni per il calcio italiano con ben 8 partite, in attesa dell’impegno di domani sera della capolista Roma che ospiterà il Chievo Verona. Occhi puntati sul big match tra Fiorentina e Lazio con la sfida a distanza tra Giuseppe Rossi e Higuain. Promette emozioni e spettacolo anche l’incrocio di San Siro tra Milan e Lazio. La Juventus è attesa dal secondo impegno casalingo consecutivo contro il Catania di De Canio. A completare la serata Cagliari-Bologna, Genoa-Parma, Livorno-Torino, Sassuolo-Udinese e Verona-Sampdoria.

 

Tratto da

Fanpage