Calciomercato, premesse ed inizio stagione 2008/2009

Il tecnico Giuseppe Galderisi che aveva creato, in breve tempo, un grande Foggia, saluta tutti e si accasa a Pescara.

La nuova sfida viene accettata da Raffaele Novelli, ex ct. Del Manfredonia.

Tra i partenti rimpianti o meno ci sono: Ignoffo, Di Roberto, Giordano, Esposito.

Il tecnico Galderisi aveva tentato più volte di strappare giocatori importanti per portarli in Abruzzo, i quali rispondo ai nomi di Coletti, Del Core.

I ragazzi fortunatamente sono rimasti e tra ritorni, conferme ed arrivi, la formazione dell’U.S.Foggia calcio si compone di questi elementi, tra i quali era meglio fare esubero di attaccanti che di portieri:




PORTIERI


Nicolas Suarez Bremec proveniente dall’Ascoli

Raffaele Coscia, svincolato

Damiano Milan proveniente dalla Salernitana

Massimo Zenildo Zappino proveniente dalla Pro Sesto, rescissione del contratto


DIFENSORI


Marco Arno, confermato

Lorenzo Burzigotti proveniente dal Sudtirol

Tommaso Colombaretti, confermato

Andrea Lisuzzo, confermato

Luigi Pezzella proveniente dal Sorrento

Donato Posillipo proveniente dall’Aversa Normanna

Giuseppe Rinaldi, confermato

Gianluca Zanetti, confermato


CENTROCAMPISTI


Tommaso Coletti, confermato

Davide Colomba proveniente dal Bologna

Tony D’amico, confermato

Nicola Mancino, confermato

Fabio Pecchia, proveniente dal Frosinone

Carlo Raffaele Trezzi proveniente dallaPro Patria

Francesco Mirko Velardi proveniente dal Pescara


ATTACCANTI


Giuseppe Agostinone, confermato

Umberto Del Core. confermato

Domenico Germinale proveniente dal Cittadella

Italo Mattioli proveniente dal Legnano

Antonio Piccolo proveniente dal Piacenza

Mario A. Jimenez Salgado proveniente dall’Avellino

Gennaro Troianello proveniente dalla Ternana


STAFF TECNICO


Raffaele Novelli, Allenatore

Antonino Gargiulo, Allenatore in 2°

Mauro Pranzetti, Preparatore atletico

Carmine Amato, Preparatore dei portieri

Giuseppe Autunno, Team Manager-Responsabile Area Comunicazione


La squadra è forte in tutti i reparti nonostante la fama del presidente Tullio Capobianco di tenersi i soldi in tasca.

Ci sono i graditi ritorni di Pecchia, Salgado e Mattioli, le conferme di Del Core, Coletti, Colombaretti, Zanetti e l’arrivo di giovani interessanti provenienti da categorie superiori come Piccolo, Troianello e Coscia.

L’arrivo di un allenatore esonerato dal Manfredonia, finito all’ultimo posto della serie C1 e conseguentemente in C2, chiamato a sostituire un certo Galderisi, non sembra molto azzeccata per una squadra che tenta, per il terzo anno consecutivo, la promozione in serie B

Con questo Foggia però non ci stupisce più niente.

La stagione 2008/2009 dell’U.S. Foggia calcio inizia con il botto, ma di quelli che fanno male.

La squadra del nuovo tecnico, proveniente dal Manfredonia, Novelli affronta il primo turno eliminatorio della Coppa Italia-Tim Cup contro il Barletta, militante tra i dilettanti.

Le premesse sono buone con il Foggia che gioca in casa, davanti ad un pubblico abbastanza affluente per essere agosto, contro una squadra dilettantistica.

Si tratta di Tim Cup e non della solita Coppa Italia di C.

Il risultato finale è di 2 reti a zero per la squadra avversaria tra i fischi e le critiche dello Zaccheria.

Come se non bastasse il nuovo acquisto del Foggia, il portiere Zappino che aveva militato
due anni fa in serie B con il Frosinone ed in quell’anno affrontato squadre come la Juventus, il Napoli, il Genoa; il quale doveva essere la colonna portante dell’estrema difesa foggiana, si fa espellere per un fallo di mano fuori area con connessi insulti pesanti all’arbitro con “atteggiamento minaccioso”.

Il giudice sportivo non può fare altro che infliggergli cinque giornate di squalifica con rescissione del contratto voluta dalla compagine pugliese.

Il campionato del Foggia inizia il 31 agosto 2008, alle ore 15:00, al Pino Zaccheria contro il Potenza penalizzato di tre punti.

Il Foggia vince di misura, per una rete a zero con gol di Troianello, in una partita ben disputata dalla squadra di casa, che però non è mancata di ghiotte occasioni anche dall’altra parte
.
Nella seconda partita il Foggia incontra subito il suo ex allenatore Galderisi, nonché l’ex centrocampista Antonino Cardinale, il 7 settembre 2008, alle ore 15:00, allo stadio di Vasto, in quanto l’Adriatico è in fase di rimodernizzazione.

Il Pescara è una squadra ben costruita che impensierisce il Foggia più che altro per gli ingenui errori difensivi dei rossoneri.

Per uno degli errori citati poc’anzi, Fabio Bazzani mette in rete la palla della vittoria pescarese su liscio di Bremec.

Il Pescara batte il Foggia per una rete a zero.

Quando si parla di Foggia, non si può altro che parlare di retorica.

Quanti campionati rossoneri sono iniziati con una vittoria in casa di misura con conseguente sconfitta nella trasferta successiva?

Il terzo turno si chiama Cavese, gioia e dolore, goleade e tonfi del Foggia.

Staremo a vedere.