La-grande-bellezza

Agli Oscar, "La Grande Bellezza" è il miglior film straniero Dopo 15 anni un film italiano conquistaredi nuovo l'ambita statuetta. L'ultima volta è stato Roberto Begnini con "La vita è bella".

Come da pronostico, "La Grande Bellezza" di Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar come miglior film straniero e il suo commento è stato: "Grazie all'Academy, a Tony (Servillo) Nicola e alle mie fonti di ispirazione: Federico Fellini, Martin Scorsese e Maradona".

In conferenza stampa ha poi aggiunto: "Sono molto molto emozionato felice e sollevato perché non era affatto scontato. I concorrenti erano molto temibili e stavano facendo un grande lavoro". E ha colto l'occasione per lanciare un messaggio: "L'industria cinematografica italiana faccia di più", per il mercato internazionale, perché è "da lungo tempo che facciamo film solo per il mercato locale. Spero che questo premio funga da stimolo al cinema italiano".

Paolo Sorrentino conquista Hollywood, dunque, 15 anni dopo "La vita è bella" di Roberto Benigni e a 52 anni dalla cocente delusione di Fellini che con "La dolce vita" ma è proprio a questo film che il regista si ispira: Jep Gambardella (Toni Servillo), è un intellettuale napoletano, autore di un solo romanzo e che da 40 anni fa "la bella, dolce, vita" in una Roma grottesca, dissacrante, dissacrata e degradata, tra ricchi vuoti e le loro feste a base di balli di gruppo, alcool e cocaina. Il film, seppur, tra tante polemiche, ha incassato ad oggi oltre 8 milioni di euro in Italia e superato ampiamente i 2 milioni di dollari negli Usa. C'è chi lo definisce un film anti- Italia che dà un messaggio sbagliato soprattutto a chi italiano non è. Probabilmente è vero, probabilmente non è il migliore dei film di Sorrentino con Servillo come protagonista ma il premio è sicuramente un riconoscimento ad un lavoro straordinario della coppia che dura ormai da anni. Ricordiamo, infatti, "Il Divo"o "Le conseguenze dell'amore".

Tra delusioni (vedi Leonardo Di Caprio) sorprese e conferme ecco qui l'elenco completo dei vincitori:

Miglior film

12 anni schiavo

Miglior regista

Alfonso Cuarón, Gravity

Miglior attore protagonista

Matthew McConaughey, Dallas Buyers Club

Miglior attrice protagonista

Cate Blanchett, Blue Jasmine

Miglior attore non protagonista

Jared Leto, Dallas Buyers Club

Miglior attrice non protagonista

Lupita Nyong'o, 12 anni schiavo

Miglior film straniero

La grande bellezza, Paolo Sorrentino (Italia)

Miglior sceneggiatura originale

Her

Miglior sceneggiatura non originale

12 anni schiavo

Miglior film d'animazione

Frozen

Miglior fotografia

Gravity

Migliori costumi

Catherine Martin, Il grande Gatsby

Miglior documentario

20 Feet from Stardom, Morgan Neville

Miglior trucco

Adruitha Lee e Robin Mathews, Dallas Buyers Club

Miglior cortometraggio animato

Laurent Witz e Alexandre Espigares per Mr. Hublot

Migliori effetti speciali

Neil Corbould, David Shirk, Timothy Webber e Chris Lawrence per Gravity

Miglior cortometraggio documentario

The Lady in Number 6: Music Saved My Life

Miglior montaggio sonoro

Christopher Benstead, Niv Adiri, Skip Lievsay e Chris Munro, Gravity

Miglior sonoro

Glenn Freemantle per Gravity

Commenti

Potrebbero interessarti