Sabato 4 marzo, alle 18, a Palazzo dei Musei, il primo di due incontri con il giornalista Luca Leone per approfondire le conseguenze della guerra sulle donne

È un viaggio nella memoria e nel presente delle donne della Bosnia Erzegovina colpite dalla guerra “Bosnia Express”, il percorso di due incontri con il giornalista Luca Leone che prende il via sabato 4 marzo, alle 18, a Palazzo dei Musei (viale Vittorio Veneto 5).

Gli appuntamenti, proposti dalle associazioni Differenza maternità e Udi, si collocano nell’ambito delle iniziative di approfondimento per la festa della donna dell’8 marzo. Il calendario è promosso dal Comune di Modena in collaborazione con il Tavolo comunale delle associazioni per le pari opportunità e la non discriminazione e la Fondazione Emilia Romagna Teatro.

Il progetto “Bosnia Express” parte dal riconoscimento dello stupro etnico come arma di guerra e distruzione ed esamina le esperienze di resistenza pacifica delle donne bosniache che possono essere prese a modello per pensare a nuove forme di convivenza, da valorizzare per prevenire il sorgere di nuove conflittualità nazionali ed etniche.

L’incontro di sabato 4 marzo è intitolato “La guerra in Bosnia Erzegovina: lo stupro etnico come arma per implementare un genocidio”. L’appuntamento sarà introdotto da Maria Raffaella Pinto, dell’Associazione differenza maternità. A moderare il dialogo con Luca Leone saranno Matteo Pagliani ed Elenza Zafferri.

Il secondo appuntamento è in programma per sabato 18 marzo, alle 18, in Galleria Europa e sarà dedicato a “Resistenza e resilienza: il ruolo delle donne nella ricostruzione della Bosnia Erzegovina oggi”. Dal 31 maggio al 4 giugno è inoltre previsto un viaggio in Bosnia Erzegovina, condotto sempre da Luca Leone, per conoscere le donne attive nelle diverse associazioni e cooperative femminili.

Luca Leone è giornalista, saggista, blogger e co-fondatore della casa editrice Infinito edizioni. Ha firmato 16 libri tra i quali “La Bosnia del dopo Daytona tra decadenza e ipotesi di sviluppo”, “Srebrenica: i giorni della vergogna”, “Saluti da Sarajevo”, “Srebrenica: la giustizia negata”.

Il programma completo degli appuntamenti legati alla festa della donna si può scaricare dal sito www.comune.modena.it/pariopportunita.

Ti potrebbero interessare le Poesie Festa della Donna

Commenti

Potrebbero interessarti