Giorgio Squinzi

Uno Stato che non paga i propri debiti e' uno stato incivile.

E' uno Stato che deve assolutamente cambiare atteggiamento.
Non dimentichiamoci che quelli sono soldi nostri. Non ci dimentichiamo che le imprese sono alla disperazione. Spiace dirlo, ma anche ieri c'e' stato un caso di suicidio proprio qui in Puglia, imprenditori che si tolgono la vita esasperati da una situazione che ormai e' fuori controllo E' quanto ha affermato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, durante l'incontro tenutosi questo pomeriggio a Foggia, a cui ha preso parte anche il presidente locale Pino Di Carlo.

Incontro mirato ad incontrare il mondo delle imprese locali ma che ha toccato anche temi alti quale la vexata quaestio inerente alla presidenza della Repubblica: «spero che chiunque sia abbia un alto profilo istituzionale, e che come Giorgio Napolitano sia un punto di riferimento e rappresenti una guida sicura.
Spero che ci sia una convergenza sul nome del prossimo Capo dello Stato, fatta di uomini di buona volontà, capaci di affrontare i nodi dell'economia reale, perché in questo momento, al di là delle riforme, la situazione richiede provvedimenti immediati

Commenti

Potrebbero interessarti