eco 1

Milano, 22 febbraio - Domani Milano darà l'ultimo saluto a Umberto Eco, lo scrittore, filosofo e semiologo morto venerdì 19 febbraio, e noto al grande pubblico soprattutto per il grandissimo successo avuto da alcuni suoi romanzi, come "Il nome della rosa".      

Il funerale sarà celebrato presso il Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco, a pochi passi dall'abitazione dello scrittore, e inizierà alle 15.00.

Saranno presenti i familiari, gli amici, il sindaco di Alessandria, città natale dello scrittore, quello di Monte Cerignone, il paese dove Eco aveva una casa, il Rettore dell'Università di Bologna, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, quello dei Beni Culturali Dario Franceschini, e numerosi esponenti del mondo culturale. 

A dare la notizia del funerale è stato Mario Andreose, editore ed amico storico dello scrittore, il quale ha affermato che sarà "una cerimonia sobria e rapida".

Per il mondo culturale, non solo italiano, la morte di Eco è una grandissima perdita.

Eco è stato l'autore di molti romanzi di successo, come "Il nome della Rosa", "Il pendolo di Foucault", "La misteriosa fiamma della Regina loana", "Il cimitero di Praga", solo per citare quelli più conosciuti. Nella sua produzione letteraria ha avuto molto peso anche la saggistica, soprattutto i trattati di semiotica. 

Unanime il cordoglio da parte del mondo politico. Il Premier Matteo Renzi ha affermato che Eco è stato un "esempio straordinario di intellettuale europeo" che "univa un'intelligenza unica del passato ad una inesauribile capacità di anticipare il futuro".

Se vuoi leggere le Frasi di Umberto Eco

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info