Immagine in linea 1

Monreale - Prosegue "la Rivoluzione" intesa come cambiamento dello status quo, dell'attuale Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta.

Un cammino irto di ostacoli non ultimo l'attuale pesante polemica con Antonello Cracolici in merito alle liste per le elezioni europee, ma anche per via di una certa impasse che l'azione del governo regionale, sta registrando, con le conseguenti accuse di chi subisce il rallentamento dell'azione politica.

Ma andiamo all'incontro di sabato organizzato dalla nascente Federazione dei Moderati di Sinistra capitanata da Salvatore Cardinale, deputato regionale, che pur continuando a sostenere Rosario Crocetta, non aveva, finora, espresso nessuna carica assessoriale all'interno della giunta regionale. 

L'occasione del "serriamo le fila" di Monreale, è stata determinata dall'ultimo rimpasto del Governo Crocetta che ha affidato l'Assessorato alla Cultura ad Antonio Fiumefreddo un tecnico del settore ed espressione politica dei moderati di sinistra.

Ma riportiamo uno stralcio di quanto dichiarato da Rosario Crocetta alla folta platea di astanti: <<Il vero rivoluzionario è colui che cambia le cose, non che le distrugge. Abbiamo bisogno di efficienza, di cambiare la prospettiva delle cose. Dobbiamo introdurre un nuovo modo di costruire, nel rispetto delle leggi dello Stato. Sto registrando - prosegue Crocetta - un attacco frontale sia all'antimafia istituzionale che a quella civile, questo non deve accadere, questo non è un cambiamento di rotta che desideriamo avvenga. Deve piuttosto proseguire quella che io definisco la rivoluzione della dignità che rifugga dai "confessionalismi politici". A livello personale invito i miei colleghi politici a fare ciò che faccio ogni sera a fine giornata lavoro: analizzo cosa ho fatto e mi chiedo, dove posso avere sbagliato>>.

Nel suo discorso l'onorevole Edy Tamajo ha sintetizzato quello che vuole essere lo spirito della Federazione dei Moderati di Sinistra: <<In politica la moderazione è un metodo, ovvero una prassi di tolleranza, prudenza, misuratezza; è la capacità di conciliare i contrasti, di essere concreti e pratici. Ma la moderazione è anche una posizione politica di centro, che all'occorenza sa farsi propugnatrice di novità, ma sempre rifiutando le posizioni estreme. In linea con questi principi, oggi i Democratici e Riformisti per la Sicilia, sono chiamati ad un grande compito e guidati dal nostro carissimo amico Salvatore Cardinale, sono oggi riferimento nazionale nella nostra regione, per quel processo di costruzione di quell'area moderata riformista, che vede in Matteo Renzi il nostro punto di riferimento nazionale. A livello regionale - prosegue Edy Tamajo - da diversi mesi abbiamo iniziato un percorso a sostegno del Presidente della Regione Rosario Crocetta, supportando in assemblea regionale i vari progetti di riforma che hanno caratterizzato questo inizio di legislatura>>.

In sala era presente, tra gli altri, il Sindaco di Torretta, cittadina alle porte di Palermo, Salvo Gambino, al quale abbiamo chiesto: 

In qualità di Sindaco, che tipo di azione politica si aspetta dal governo regionale Crocetta?

<<Dopo la fase di "demolizione" di un sistema di potere che tanto danno ha fatto alla Sicilia, adesso è necessaria una nuova fase: quella della costruzione di un percorso di sviluppo, improntato sulla legalità, che valorizzi al meglio le risorse della nostra terra: il turismo, i beni culturali, l'eccellenza agricola. Come amministrazione del Comune di Torretta, siamo pronti a dare il nostro contributo!>>

La grande sfida verso il cambiamento in Sicilia prosegue, spesso la regione più grande d'Italia quanto meno come area geografica, ha dato la stura alle grandi novità della politica nazionale e rappresenta un'ottima cartina di tornasole degli umori dell'elettorato italiano. L'azione del governo Crocetta merita di essere supportata dalle forze politiche sane e non deve diventare ostaggio di giochi di potere, perché a pagarne le conseguenze sarebbero i cittadini che hanno bisogno di trasparenza, efficienza, legalità.

Questo sentimento spira nelle coste, nelle valli, nei monti tra le genti. Un sentimento ed un desiderio di cambiamento che ci traghetti oltre le fauci di una crisi mondiale che continua a fare sentire i suoi effetti.

Antonino Schiera

Autore del libro di Poesie, Aforismi & Dediche d'Amore "Percorsi dell'Anima" (Europa Edizioni)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info