03242017Ven
Last updateGio, 23 Mar 2017 9pm

TarantoReport

Il Comune di Statte investe sulla sua memoria


biblioteca Matteo Mastromarino Statte
Torna la Biblioteca Civica intitolata al maestro della comunità Matteo Mastromarino. Lunedì 13 l’inaugurazione con Mons. Fonseca e il prof. Pagano Oltre 19mila volumi e spazi dedicati ai più piccoli

Una comunità che si ritrova nel patrimonio più grande per un territorio: la sua memoria.
Accadrà lunedì a Statte quando la Biblioteca Civica del Comune riaprirà i battenti nella sua nuova sede, all’interno di una delle aule storiche un tempo animate dal mite e infaticabile maestro dell’ex borgata.
La Biblioteca civica infatti sarà intitolata al maestro per antonomasia di quella comunità, il tutore di molte generazioni di stattesi e appassionato di arte, musica e cultura, il compianto Matteo Mastromarino.
La Biblioteca torna nel luogo in cui le coscienze di molti di noi si sono formate con il maestro di molti di noi – spiega Debora Artuso, assessore alla cultura e pubblica istruzione del Comune di Statte – e nel luogo in cui in continuità con la precedente amministrazione abbiamo costruito la piazza che è l’attuale agorà del nostro paese.
Un passaggio chiave e importante per la Biblioteca di Statte che lunedì avrà tra i testimonial d’eccezione anche l’accademico dei lincei Mons. Cosimo Damiano Fonseca e l’ordinario di pedagogia e delegato del Rettore dell’Università di Bari, Riccardo Pagano.
Una giornata che abbiamo voluto fortemente incentrata al ruolo del sapere nella nostra comunità – spiega ancora la Artuso – e che da sempre abbiamo assunto come valore imprescindibile delle policy attuate dal Comune.
Il 13 dunque la Biblioteca Civica di Statte riceverà il nome e l’eredità culturale di Matteo Mastromarino, uno stattese doc, che per il Sindaco Franco Andrioli è l’esempio di chi sa costruire anche in silenzio.
Molti stattesi sono cresciuti nell’esempio di quest’uomo, forgiati nell’amore verso la propria terra e verso la musica che era la sua seconda passione – dice Andrioli – crediamo che intitolare la Biblioteca a lui, e farlo dando ampio spazio ai bambini e ai ragazzi che vorranno frequentarla, sia il miglior segnale di rispetto verso la sua storia personale e il mio augurio di coesione e ritrovato dialogo per la nostra comunità.
Dopo la cerimonia istituzionale prevista per lunedì prossimo 13 marzo a partire dalle 17.30 (come da programma allegato), altre due iniziative celebreranno la riapertura della Biblioteca Civica, da anni affidata alle cure del prof. Mario Pennuzzi e della dottoressa Agnese Giandomenico.
Il 21 marzo si festeggerà il 18esimo compleanno dell’istituzione alla presenza del nipote del maestro Mastromarino, Matteo anche lui, noto clarinettista italiano, stattese di nascita e insignito nel giugno del 2016 del premio della Camera dei Deputati per i giovani talenti musicali che hanno reso merito alla repubblica italiana nel mondo.
Il 29 marzo la Biblioteca insieme all’associazione Dialoghi Itineranti comincerà la attività che le è propria: cioè quella della promozione della lettura con un altro ospite d’eccezione: lo scrittore tarantino Cosimo Argentina.
La Biblioteca Civica Matteo Mastromarino ad oggi ospita oltre 19mila volumi, almeno 3mila quelli dedicati ai bimbi dai 0 ai 5 anni e una importante collezione di testi dedicati interamente alla storia locale di quei territori.
Venti sono le postazioni dedicate agli studenti e una attenzione particolare nell’allestimento è stata data ai più piccoli che ormai da anni partecipano all’interno della Biblioteca di Statte ai progetti che incentivano la lettura.
L’appuntamento per la stampa è per lunedì 13 marzo ore 17.30 – Biblioteca Civica Matteo Mastromarino (Biopiazza di Statte – vicino alla scuola Giovanni XXIII)

Maristella Bagiolini


poesie report on line