Cronaca di Milano

Martina Levato Alexander Boettcher 1

Milano, 9 febbraio - Martina Levato, la giovane studentessa bocconiana condannata in tutto a trent'anni di carcere per aver compiuto alcune aggressioni con l'acido ai danni di diverse persone, fa per la prima volta marcia indietro, ammettendo di volersi svincolare da Alxander Boettcher, l'uomo con il quale avrebbe escogitato ed eseguito quei crimini.

 Secondo quanto è emerso nel processo, Martina sarebbe stata succube di Boettcher, con il quale aveva una relazione extraconiugale, e si sarebbe volontariamente sottoposta a dei riti di sottomissione.

È quello che risulta dai filmati prodotti in aula, che mostrano Martina mentre beve l'urina di Alexander, oppure mentre si fa incidere con un ferro acuminato le iniziali dello stesso su diverse parti del corpo, come la coscia e la guancia. 

Ma non è finita qui; dalle conversazioni via chat tenute da Boettcher con un amico, risulterebbe che Alexander abbia voluto, attraverso le incisioni di quelle iniziali, far pagare alla giovane Martina un "giusto prezzo" per il presunto "onore" che questa avrebbe avuto di fare l'amore con lui, che si definisce "un Dio". 

Ora Martina vorrebbe "svincolarsi" da Boettcher, cioè prendere la sua strada interrompendo la loro relazione. È  quanto avrebbe confidato la ragazza ad uno dei suoi legali, Alessandra Guarini. 

Martina, infatti, avrebbe consegnato a Boettcher delle lettere, nelle quali afferma di voler proseguire da sola la sua strada; Boettcher, ha dichiarato la giovane, è il padre di suo figlio, e per questo manterrà con lui i rapporti necessari a perorare la loro causa davanti al Tribunale dei Minori, che dovrà decidere sulle sorti del neonato, ora affidato alla tutela del Comune di Milano. 

Sembra quindi che Martina voglia, anche se timidamente, e forse spinta dai suoi difensori, svincolarsi da Boettcher, anche dal punto di vista processuale.  La ragazza, infatti, anche durante l'udienza celebrata lo scorso 11 dicembre, ha affermato che Boettcher "avrebbe dovuto ammettere le sue responsabilità di coppia", a causa delle quali sarebbe stata indotta "al caos emotivo e alla commissione di reati". 

Visti gli ultimi sviluppi, forse dobbiamo aspettarci importanti novità nel processo d'appello relativo all'aggressione ai danni di Pietro Barbini, che inizierà il prossimo 7 aprile.

Martina Levato Alexander Boettcher 1

Dopo quello prodotto dall'accusa lo scorso 26 gennaio, nuovi video "a contenuto sadico" sono stati estrapolati dal cellulare di Alexander Boettcher, l'uomo che, con la sua compagna e complice Martina Levato, è sotto processo con l'accusa di aver sfregiato permanentemente il viso di alcuni ragazzi utilizzando dell'acido ad alta gradazione.     

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info