Cronaca di Milano

sala operatoria - repertorio

Lodi, 13 maggio - Rosa Angela Lavorgna, un'infermiera quarantaseienne che lavorava nel reparto di urologia dell'Ospedale Maggiore di Lodi, è stata ricoverata al Fatebenefratelli di Milano a seguito di uno shock anafilattico provocato da un banale intervento di chirurgia estetica.

L'infermiera, che viveva con il marito e il figlio a Villanova Sillaro in provincia di Lodi, è stata dichiarata clinicamente morta martedì sera, quando i medici hanno rilevato l'assoluta mancanza di attività cerebrale.

La donna, che si era rivolta ad una clinica privata di Milano, si era sottoposta settimana scorsa ad un intervento correttivo alle palpebre; dopo l'operazione è entrata in coma irreversibile, probabilmente a causa dell'allergia ad alcuni farmaci.

Per stabilire quale sia stata esattamente la causa della morte si dovrà comunque attendere l'autopsia; intanto, la Procura di Milano ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo.

Le indagini sono condotte dal Pubblico Ministero Alessia Miele.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info