TarantoReport Cronaca di Taranto

volantinaggio teleperformance

Oggi in centinaia si sono uniti al flash-mob dei lavoratori di Teleperformance. Taranto è una città notoriamente dilaniata dai conflitti, lo dimostra anche l’estrema vivacità e il grado di litigiosità e disgregazione nel panorama politico in vista delle prossime amministrative, ma mentre ci azzanniamo l’un l’altro un operaio, un bracciante, una donna del tessile di Martina Franca, un addetto ai call center perde il suo posto di lavoro. Nell’indifferenza generale di una comunità che ha smesso di esserlo da tempo e che invece sui valori della vita e del lavoro dovrebbe ritrovarsi compatta e coesa.

Il segretario CGIL Peluso con il sindaco di Grottaglie DAlò
La CGIL mobilitata a Taranto, Laterza e Grottaglie. 
Abbiamo incontrato una comunità desiderosa di ascolto e pronta ad ascoltare. Questo è il primo grande risultato della Campagna Referendaria per i 2 Si che la CGIL propone sul tema dei voucher e della responsabilità solidale negli appalti. I presidi dei Tamburi, Grottaglie e Laterza ci dicono che c’è ancora voglia di Stato sociale, c’è voglia di diritti e di un futuro occupazionale degno di questo nome.

Al quartiere Tamburi di Taranto, a Grottaglie e Laterza le ragioni del “si” per liberare il lavoro. L’11 febbraio la campagna referendaria “2 Si per Liberare il Lavoro” promossa dalla CGIL si sposta in strada. A Taranto saranno tre gli appuntamenti destinati alla sensibilizzazione e alla conoscenza dei quesiti referendari sull’abolizione dei voucher e la richiesta di maggiori tutele di continuità occupazionale per i lavoratori del sistema degli appalti.

Commenti

Potrebbero interessarti