Quante volte vi sarà capitato di vedere scene di film in cui psicologi o psichiatri mostrano ai pazienti delle tavole di inchiostro. E chissà quante volte vi sarete chiesti di cosa si trattava.

Ebbene ecco uno dei tanti strumenti di diagnosi psicologica: il test di Rorschach.

La struttura del test.

Il materiale del reattivo di Rorschach è composto da 10 tavole (5 grigie e nere, 2grigie e rosse e 3 multicolori) scelte definitivamente dall’autore tra moltissime altre. Si tratta di figure ambigue ottenute facendo "colare" alcune gocce di inchiostro su un cartone, successivamente ripiegato. Le macchie che si formano si prestano a numerose interpretazioni differenti.

Cosa indaga
Dopo un’accurata analisi dei dati è possibile redigere un profilo completo della personalità.
• Vengono valutate le capacità intellettive e messe in luce non solo le abilità e le capacità attuali del soggetto, ma anche le sue potenzialità, la sua stancabilità di fronte a un problema complesso, la struttura della sua intelligenza e le sue propensioni potenziali.
Questo è molto utile soprattutto per quanto concerne una prognosi e l’orientamento che si può dare al soggetto circa l’utilizzo positivo delle sue capacità globali espresse ed inespresse, ma esprimibili in futuro.

• Il mondo affettivo, la capacità di controllo delle emozioni, i meccanismi di difesa, rappresentano il nucleo della valutazione della personalità effettuata mediante il Rorschach.
La duttilità dello strumento consente infatti di ottenere una indagine dinamica in grado di cogliere le istanze profonde dei processi mentali.

• Infine la valutazione è tesa a mettere in luce i rapporti del soggetto col mondo esterno, e cioé la sua facilità nella socializzazione, la sua tendenza ad andare incontro agli altri o a chiudersi a palla su se stesso.

dott.ssa Biancamaria Fracas
http://psicologia.guidaconsumatore.com


Potrebbero interessarti