Siamo ormai consapevoli, che la tanto osannata democrazia, così come a volte la bilancia della Giustizia, sono oggi, alla mercé delle più disparate interpretazioni.

Chi di noi, non ha letto o visto siparietti in tv, riguardanti la salute del cantante Albano? Giornali, riviste, rotocalchi e programmi di approfondimento, hanno messo in evidenza la piccola ischemia che ha colpito il noto ed amato cantante.

Ricoverato in ospedale, ha avuto al suo fianco, un’equipe medica specializzata che ha effettuato controlli all’avanguardia relativi alla sua salute, senza nulla tralasciare; emanando vari comunicati che hanno tenuto aggiornato il pubblico, con quasi maniacale dovizia di particolari.

Anche il noto show man Massimo Lopez, durante uno spettacolo teatrale che lo vedeva in quel momento interprete principale di un brano cantato, è stato colpito da infarto. Pur sentendo forti dolori provenire dal petto, ha continuato la sua performance, fin quando, chiedendo scusa al pubblico, si è recato nel camerino. Da qui, la corsa all’ospedale più vicino, in ambulanza. Operato d’urgenza, ora sembra, (il condizionale è d’obbligo) stia meglio e non si teme per la sua vita.
Telegiornali, trasmissioni tv e quant’altro, non hanno però dato molto risalto al malore di Massimo Lopez, dedicando a questo evento, poche “Battute” ed altrettanto poche righe.
Perché mi domando: esistono esseri umani di prima e seconda categoria? Oppure la nostra umanità si manifesta più o meno visibile a secondo della notorietà del malato?

Spesso si sente parlare di malasanità e le penne più prestigiose, insieme a trasmissioni e carrozzoni tv blasonati, gridano allo scandalo con voce altisonante e scandalizzata. Dopo qualche giorno, più nulla…il silenzio assoluto; la notizia è scaduta.

Se un cittadino qualsiasi viene colpito da un evento che ne mina la salute, l’ospedale, dopo ore di attesa, segue la prassi come fosse un repertorio ed è spesso incline, al non ricovero.

Un mio amico, colpito da un T.I.A. che per pochi minuti gli ha interdetto la parola, giunto ad un pronto soccorso della capitale, dopo più di quattro ore, è riuscito a farsi visitare; una T.A.C al volo e un ritorno a casa, con consiglio di tornare il giorno dopo, (rifacendo la fila), per farsi visitare da un neurologo. (Non è stato tenuto neanche ventiquattro ore in osservazione ed il ricovero è avvenuto soltanto il giorno dopo.

Naturalmente, la salute è un bene ambito da tutti; per umanità ed altruismo, lo scrivente, non fa distinzione tra un malato vip ed un altro malato vip; ma neanche differenza se ad essere colpito da un malanno fosse un qualsiasi cittadino del mondo. Colore della pelle? Religione? Ceto sociale, età? Sesso? Nessuna differenza.

Oggi come oggi, alcuni malati “Importanti”, anche senza volerlo, sono seguiti da vicino come topi da laboratorio; spiati e controllati da quella macchina insaziabile chiamata sensazionalismo. Tutti desiderano fare colpo, incuriosire e tenere incollati milioni di telespettatori davanti alla tv, per onorare il santo ed idolatrato, indice d’ascolto.

Piero B.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info