03252017Sab
Last updateSab, 25 Mar 2017 7pm

Fatti e Curiosità

Come sarà questo 2016?


2016

Il 2016 secondo gli astri


Il 2016 è appena iniziato e come ogni anno la curiosità di sbirciare nelle previsioni astrologiche per questo nuovo fa capolino. L'astrologia è una delle scienze più complesse che da sempre ha accompagnato l'esistenza dei popoli antichi che facevano riferimento al movimento proprio degli astri nelle varie costellazioni per prevedere cosa sarebbe successo, anche in termini meteorologici. Al di la delle previsioni astrologiche il 2016 sarà, come da premesse, un anno di cambiamento con protagonista indiscussa gli sforzi per la ripresa economica, l'appello alle risorse più importanti del nostro paese come il turismo, la situazione del clima. Per chi vuole e ci crede può sempre consultare gli astri, magari leggendo l'oroscopo settimanale per avere un quadro della situazione generale.

La speranza nella ripresa economica nel 2016

Gli economisti, l'UE e lo stesso Mise si sono impegnati in previsioni per questo 2016 che appare un anno di speranza in una ripresa anche se non facile. I segnali sono flebili visto l'aumento del Pil del 1,3% che rappresenta comunque un punto a favore dell'economia italiana che invece, secondo le previsioni della Commissione europea, doveva fermarsi al 1,1%. Un calcolo tuttavia basato sull'aumento dell'IVA al 23% che invece non è scattato, come deciso con la Legge di Stabilità. La disoccupazione giovanile è ancora un aspetto che preoccupa molto il governo nonostante il calo dello 0,2% dal 2015 al 2016 (dal 12,8% al 12,6%), dove l'Italia risulta il fanalino di coda tra i Paesi europei per quanto riguarda l'occupazione tra i 15 e i 24 anni che rimane bassa (intorno al 15%). Segnali di ripresa si vedono sul fronte dei conti pubblici dove finalmente il rapporto deficit/Pil arriverà al 2,6% scendendo sotto la soglia del 3%. Nel 2016 è previsto infatti un calo importante del 2%. Calerà anche il debito pubblico passando dal 133% del valore rispetto al Pil al 131,9%. Nel complesso sale la fiducia dei consumatori che ricominciano a spendere e uscire da una situazione di stagnazione economica che ha fatto scendere la produzione interna del 31% rispetto ai livelli pre-crisi.

Il turismo

Come è noto il settore del turismo è uno dei più importanti in un paese come il nostro dove c'è almeno l'80% del patrimonio architettonico mondiale.
Dopo aver registrato per 7 anni un segno negativo finalmente per la stagione 2015-2016 si prevede un aumento per questo settore che rivedrà le camere degli hotel sold out, più viaggiatori provenienti dall'estero e anche maggiori spostamenti per vacanza degli italiani all'estero, che ricominciano a spendere. I dati positivi sono stati confermati da Europasia e Cescat che hanno confermato la positiva influenza di un evento di respiro internazionale come Expo Milano 2015, che non solo ha riportato la città meneghina tra le mete turistiche italiane facendo rivalutare la sua accoglienza e le strutture ricettive, ma ha anche allargato le visite ad altre città italiane come Bologna, Torino, Napoli ma anche Roma. La stessa Milano è stata la città più visitata (18%) davanti ad altre che da sempre hanno avuto un primato in Europa come Madrid, Londra, Berlino, Vienna, ecc. Curiosamente più che gli hotel e gli alberghi i turisti preferiscono soggiornare in Italia in guest house, case private e B&b. Per quanto riguarda gli stranieri continua la preferenza accordata al Bel Paese da parte soprattutto di turisti cinesi, russi e brasiliani. In particolare il buon andamento dell'economia cinese e una rinnovata disponibilità del ceto medio del Sol Levante hanno incrementato i viaggi e anche la durata dei soggiorni. Per loro tuttavia le mete più gettonate rimangono i paesi vicini, come la Malesia, la Thailandia, Macao.

L'impegno per migliorare il clima nel 2016

Con la Conferenza di Parigi a fine 2015 sul clima dove si è discusso tra i delegati di tanti paesi sulle misure da prendere per correre ai ripari sui danni che il clima ha riportato a causa dell'inquinamento, il 2016 si prospetta come un anno di impegno a tutti i livelli. L'obiettivo è di limitare le emissioni di gas inquinanti e prendere decisioni eco sostenibili riguardo alle modalità di produzione, all'uso dei riscaldamenti e agli scarichi nelle metropoli per un mondo più vivibile.

I segni favoriti nel 2016

Già dall’oroscopo settimanale vediamo che tra i favoriti c'è il Leone che non ha nessun pianeta in opposizione e quindi avrà un 2016 sulla cresta dell'onda, molto simile a quello del Capricorno, lanciato nella realizzazione di progetti importanti soprattutto nel lavoro. Anche la Bilancia potrà riscattarsi da un 2015 difficile e sarà baciata dalla fortuna, mentre l'Acquario sarà caratterizzato da grande slancio e vitalità in tutti i campi. 


poesie report on line