bigiotteria

E' di oggi la notizia riguardante il sequestro, da parte della Guardia di Finanza di Milano, di 8 milioni di pezzi, fra i quali c'era anche molta bigiotteria.

Anche in passato ci sono stati sequestri simili.

Spesse volte, la merce sequestrata era destinata alla vendita a bassissimo prezzo nei mercatini rionali.

Di frequente, infatti, si vedono sulle bancarelle dei mercatini anelli bellissimi, oppure collane, venduti magari ad un euro. Una tentazione fortissima per ogni donna.

Tuttavia, è necessario fare molta attenzione, perché a volte questi prodotti vengono fabbricati all'estero senza il rispetto delle necessarie norme di sicurezza. Può capitare che le vernici utilizzate per colorarli, solitamente argento e oro, siano costituite da materiali nocivi per la salute, e addirittura cancerogeni.

Questi materiali possono provocare malattie attraverso il continuo contatto con la pelle.

Se proprio non vogliamo rinunciare ad indossare questo tipo di bigiotteria, è opportuno adottare delle precauzioni; se si tratta di collane, si possono indossare, ma mai a stretto contatto con la pelle. Meglio indossarle su un maglione, e comunque non sempre. Se la merce è di dubbia provenienza, è preferibile non indossarla. 

Per gli anelli e gli orecchini, invece, questa precauzione non più essere adottata, allora bisogna prestare particolare attenzione al momento dell'acquisto; se la merce non presenta nessuna etichetta indicante la provenienza e il contenuto, è meglio fare al venditore qualche domanda in merito e, se non riceviamo le giuste informazioni, rinunciare all'acquisto.