Pillole Giuridiche

A cura della dott.ssa Rosa Aimoni

Pillole Giuridiche è una rubrica dedicata a tutti coloro che vogliono essere informati sulle novità normative.
Non saranno riportate disquisizioni dottrinali o giuridiche, ma in maniera semplice ed essenziale saranno spiegate le norme di interesse generale e le sentenze.

Nel caso di patologie di natura psicologica, anche la semplice consulenza può essere fatta soltanto da uno psicologo iscritto all’albo. Vista la delicatezza degli interventi, infatti, è sempre necessario essere laureati e specializzati in psicoterapia, dal momento che sono molto rigidi i paletti posti dalla legge (Legge 56/1989) a questa delicata professione.

Nel caso in cui sia in corso una separazione di fatto tra coniugi, se il padre del minore decida di prelevare quest’ultimo all’uscita dall’asilo, senza preavvertire la madre, tenendolo con sé per un giorno e mezzo circa, in località diversa da quella di residenza e contro la volontà della madre affidataria di fatto, non commette il reato di “sottrazione di incapace”.

Cattive notizie per quegli sportivi che amano praticare il “footing” all’aria aperta: per loro è consigliabile non andare fuori dai centri abitati! Difatti, se in tali luoghi si viene morsi da un cane randagio, oltre ad avere poche possibilità di essere soccorsi immediatamente , si rischia di non essere neanche risarciti dal Comune o dall’Asl.

Una recentissima ordinanza del Tribunale di Roma ha restituito dignità a quei circa 30.000 avvocati, definiti “esodati”, perché costretti tra il 2014 ed il 2015 a cancellarsi forzatamente dagli albi professionali di appartenenza in quanto impossibilitati, a seguito dell’entrata in vigore della nuova legge professionale forense, a far fronte ai nuovi ed onerosi contributi previdenziali, imposti come obbligatori a prescindere dal reddito fatturato durante l’anno.

Commenti

Potrebbero interessarti