Una sola realtà o infinite realtà?

Verso la metà degli anni cinquanta, il fisico David Bohm, ipotizzando il ricorso di variabili nascoste capaci di sconvolgere le costanti universali nello scambio di informazioni fra le particelle subatomiche, introdusse il concetto di realtà non locale sulla base del principio di indeterminazione formulato da Werner Karl Heisenberg.

Diagnosi precoce della gestosi

,Ricerca dell’Università di Foggia potrebbe consentire di individuarla entro il terzo mese di gravidanza.
Studio scientifico condotto dalle Strutture universitarie di Nefrologia e Ginecologia sulla produzione di “Semaforina 3F”, pubblicato sulla rivista internazionale specializzata Plos One.

Stazione GPS Mormanno
Evidenziata per la prima volta in Italia, nella zona del Pollino, la presenza di movimenti lenti di faglia durante le sequenze di terremoti di bassa magnitudo che contribuiscono a spiegare perché, rispetto al resto dell’Appennino, in quest’area i terremoti di magnitudo più elevata sono meno frequenti. Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports di Nature

tre nuovi pianeti

spazioL'annuncio diffuso dalla NASA relativo alla scoperta di 3 pianeti simili alla Terra, assume una valenza scientifica alquanto relativa. A ridimensionarlo, contribuisce la constatazione che essi siano distanti da noi “appena” 39 anni luce. Considerando che occorra colmare tale distanza per poterli raggiungere, ma viaggiando alla impossibile velocità della luce, si desume agevolmente la relativa importanza di tale scoperta.

Il numero di eventi della sequenza sismica in Italia Centrale ha superato complessivamente il numero di 47.600 dal 24 agosto 2016. Rispetto all’ultimo aggiornamento di ieri, 19 gennaio alle ore 11.00, non si sono registrati eventi di magnitudo maggiore o uguale di 4.0, mentre sono stati una decina i terremoti di magnitudo compresa tra 3 e 4, localizzati dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV
prevalentemente nell’area a sud tra le province dell’Aquila e Rieti.
Nella mappa sotto l’evoluzione della sequenza dal 24 agosto 2016 ad oggi. I terremoti delle ultime 72 ore sono evidenziati con un colore diverso dal blu.

Shakemovie
L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha realizzato il video dell’animazione della propagazione sulla superficie terrestre delle onde sismiche generate dal terremoto di magnitudo Mw 5.5 delle ore 11.14 italiane del 18 gennaio 2017 che ha coinvolto le province di L’Aquila e Rieti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info