Stop femminicidio

Stop femminicidio a cura della dott. Rosa Aimoni
Una rubrica in cui si raccontano i fatti di cronaca sulla violenza alla donne, con il fine di non far cadere nell'oblio ciò che succede.

 

Grosseto, 3 gennaio - Ci sono delle novità sulla scomparsa di Francesca Benetti, la professoressa di Cologno Monzese sparita lo scorso 4 novembre da Villa Adua di Potassa di Gavorrano, vicino a Grosseto.

Francesca Benetti aveva 55 anni; per la sua scomparsa è stato arrestato Antonino Bilella, il guardiano della sua villa.

L'uomo è stato accusato di omicidio volontario  e occultamento di cadavere.

Le tracce di sangue maschile sono state rinvenute su una poltrona.

La Procura precisa, però, di non sapere se quel sangue appartenga a Bilella. L'unica traccia certa ritrovata è stata una macchia di sangue della Benetti nella macchina del guardiano, del quale si dice che fosse ossessionato dalla professoressa milanese, al punto da perseguitarla.

Se il sangue trovato adesso non fosse del Bilella, le indagini si complicherebbero ulteriormente.

Francesco Verusio, il procuratore capo di Grosseto, ha affermato che "è presto per dire" se nella vicenda della scomparsa della Benetti sia implicato anche un complice.

Adesso il Ris sta analizzando la traccia di sangue trovata.

Commenti

Potrebbero interessarti